BestiarioPoetico

Il Pensiero riflesso nello specchio oscuro
Gli animali e le figure nell'immaginario - Gli eventi e la memoria
Letteratura - Poesia - Arte - Filosofia - Etica - Bioetica
Miti e Leggende



 
IndiceIndice  PortalePortale  GalleriaGalleria  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  
Mi piace pensar che qualcuno -girando e dell'altro cercando- curioso, per caso si trovi davanti una pagina, l'apra, la legga e qualcosa d'intenso rimanga, come quando si coglie al tramonto il colore del sole che muore, mai uguale, sapendo che è solo di un attimo

Condividere | 
 

 QUANTI ANNI

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3 ... 14 ... 26  Seguente
AutoreMessaggio
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1054
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: QUANTI ANNI   Lun Lug 19, 2010 2:52 am

Promemoria primo messaggio :

Ho il doppio degli anni
della vita massima
di un cane di buon padrone

Ho gli stessi anni di un mercante
tra l'avvio e l'arrivo
meno quelli di un bambino
al primo stupore

Ho gli stessi anni di un padre
che smette di esser figlio

Ho gli stessi anni della metà distanza
tra gli occhi e il tramonto
dietro l'ultima collina

Ho la stessa età di chi può anche arrendersi
e il doppio di chi spera senza affanni

Te lo dirò bambina mia
anche se il conto è facile
ho solo cinque anni in più del tuo sorriso
---------------------------------------------------
Da:Amori Scaduti Di Un Essere Qualunque
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1054
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: COLTELLI E CASTELLI    Gio Dic 08, 2016 3:34 am

In memoria del Conte Artemio, Licinio Delle Faggete non che Duca di Castrovillari e di Paglieta)

Spesso ai tranquilli isolati castelli
feste blasoni e untuosi porcelli
finiti frequenti a spade, a coltelli

La Contessa dimessa, ossessa
ormai lontana da ogni messa
all'amante finalmente concessa

Il maggiordomo nuda l'ha vista
e gli s'è illuminata radiosa la vista
e ha pensato bene di fare l'artista

In un lampo il corteggiamento
come pure l'acconsentimento
e di seguito a letto l'affiancamento

Nella copula in impeti forti egoismi
il Conte ha pensato ai fantasmi
e tra le stanza a vagare ipnotismi

In un lampo a indossare vestaglia
tralasciando scarpe e calzamaglia
in intento a fare veloce scandaglia

A tal vedere immenso sgomento
trovò forza per l'accerchiamento
e a infliggere coltellate in accanimento

Oh? porco mondo con corna in testa
mai più in queste stanze una festa
in capo cheratina ovunque foresta

Girò l'ormai rossa lama nel petto
e sguardo al crocefisso dirimpetto
contento fece di tre morti un terzetto
------------------------------------------
Da: Normalità Incondivisibili Tra Maschere Clonate

www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1054
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: LA COSTITUZIONE   Ven Dic 02, 2016 4:39 am

La costituzione è come il vangelo
l'ha letto solo il Papa e qualche Cardinale
e quando questi danno 
monito comportamentali ai fedeli
essi trovano alibi  forvianti 
ad alludere a più testi
a riferimenti di antico testamento
nuovo testamento e vangeli apocrifi
e poi in discolpa a citare a seconda
per qua e là sentito dire
..gli apostoli Matteo,Marco,Luca, Giovanni
fino a strappare un amen
come sale in aggiusto  a ogni minestra
-----------------------------------------
Da:Poesie Cialtrone
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1054
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: OSCURE TRAME   Mer Nov 30, 2016 11:32 pm

I cani abbaiano a singhiozzo
sull'amplesso dei gatti
mentre i ladri guardano le mappe,
la notte è una bisca
ove ognuno gioca le sue carte
e a volte chi perde muore

Le prostitute sotto lampioni sorridenti
lavorano a una zecca parallela
per un conio invisibile a ogni moglie
che imita pinocchio a piantare i soldi
e poi se la prende con Geppetto

Oscurità, drappo sulle trame
è tutto un via vai d'ombre invisibili
guidate da nuche e respiri
e nuvole e stelle fumo e scintille 
a confondere i trucchi del mago

Scappano i sogni sui tetti
fuggono dai committenti 
marci di realtà fermentate
lo sanno bene i pipistrelli,
tracciano itinerari 
a confondere il dileguo

Rallentano gli orologi
tanto il tempo e negli umori
e le lancette forfettario doppione del cuore
che a volte bussa a cottimo alle costole
------------------------------------------------
Da: Normalità Incondivisibili Tra Maschere Clonate
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1054
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: TIRA IL VENTO   Mer Nov 30, 2016 11:31 pm

Tira il vento
strappa pensieri
li regala a chi sogna
che non li vuole

Bussa alle porte
qualcuno apre
crede sia un amore pentito
poi non vede nessuno
pensa abbia vinto l'orgoglio

Schiaffeggia giornali
li spoglia di notizie bugiarde
quelle vere le pinza a 
un tergicristallo
pronto a negarle

Ruba una maglia
la fa aquilone
l'impiglia ad un rovo
e un corvo la riduce a brandelli
l'espone dote a un corteggiamento
troppe volte fallito

Vibrano fili d'antenne
per una chitarra a più corde
una fanciulla s'affaccia
alla serenata
e ride al vuoto 
che il suo cuore riempie

Ruba un ombrello
che fiorisce al cielo
e paracaduta un imploro sfinito
troppo pesante
per arrivare a una stella
--------------------------------------
Da:Soste Precarie
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1054
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: IL TORRENTE   Dom Nov 20, 2016 3:30 am

[ltr]Argenteo,brunito, scorreva 
baldanzoso dalla montagna
poi stanco s'addormentava tra i rovi
si risvegliava in cascata
nel tonfo richiamava animali 
assetati,accaldati,curiosi,
a tratti allargava il suo letto
ove raganelle in concerto
a volte azzittite da sassi di bimbi


Più a valle lasciava una vena
sgorgare in un lavatoio
e il rumore decifrato a telegiornale


Oggi al suo posto una strada
e schiacciato, disperso in mille rivoli
alcuni fumati dal sole
altri nascosti in gallerie segrete


Raro ma quando qualche stagione
fa piangere a dirotto le nuvole
le lacrime in decoro al dileguo
cercano la loro ruga a guidarle
questa ostruita dal maquillage vanitoso
e in slavina il pesante trucco sul viso
e zombie allo specchio
orrori a guardarsi
-------------------------------------------
Da:Quando Gli Alberi Si Rifiutano Di Ospitare Le Foglie
www.santhers.com[/ltr]


Ultima modifica di michael$anthers il Mer Nov 30, 2016 11:39 pm, modificato 3 volte
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1054
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: FANCIULLE UN TEMPO   Ven Nov 18, 2016 3:19 am

[ltr]Fanciulle col secchio di rame  sul capo
su straccio a rondella
a rendere morbido il peso
danzanti in equilibrio circense
e altri due recipienti nelle mani
lunghi viottoli serpenti
contesi ai lati dall'erba
verso la fontana che tossiva
a rimando di pettegolezzi di lavandaie
intente a lavare più storie che panni

I piedi giocavano a ping pong coi sassi 
e poi si litigavano la direzione
tra l'arbitraggio scorretto del cuore
che seguiva le vibrazione dell'acqua
riflettente il viso teso e colorato
dal sangue frustato da timidezze
sotto sguardo felino di qualche ammiratore
come pavone con piume stropicciate
e in mille gesti a pettinarle
anche a camuffare vistose pezze
a porta di realtà sui sogni

Andirivieni, troppi per ogni sete
allarmavano e incuriosivano
mamme che in gioventù
avevano girate identiche scene
e si lisciavano e contavano le rughe,
barriere e trampoli al  proseguo 
di futuri pargoli immaginati
---------------------------------------
Da:Soste Precarie
www.santhers.com[/ltr]
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1054
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: EQUIVOCI E STRATEGIE   Mer Nov 16, 2016 3:28 am

Coda a molla dello scricciolo
imitato dal pettirosso,
affettano il freddo, disperdono i brividi
e si parlano ad alta voce in esperanto
per spartirsi briciole di monelli

Il ghiro ispeziona la dispensa
sta per andare ospite da Morfeo
prima di salutare con galateo regala
tre noci alla strozzina ghiandaia
è il prezzo per essere dimenticato

la volpe rinnova la moquette di fieno
omaggio del contadino
a patto di lasciare in pace i polli
e di svelargli furbizie di rinomata fama
ma la regina delle favole analfabeta
equivoca l'ultima vocale e svela
sinistri intenti a domare
la sua eterna mai placata fame

Incessante bussa a un tronco il picchio
l'ubriaco crede sia la ragazza che ha sognato
dice vieni avanti amore e la moglie l'abbraccia
e promette di regalargli una vigna

Le rasoiate gelide dell'inverno
evidenziano costole spoglie di cane e gatto
che firmano storico armistizio
e solidali assoldano anche un topo
a votare no alla spending review
del despota padrone Toscano

A tal osservare la capra,indispettita
si liscia il pizzetto,esclama.. salute e fronde
e mastica con dentiera del governo
una giacca Cinese che prende fuoco
alle bestemmie del fattore
---------------------------------------------
Da:Soste Precarie

www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1054
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: L'IMPRENDITORE PELLICCIA   Lun Ott 31, 2016 3:39 am

Il soprannome Pelliccia a testimoniare 
lo scuoio d'ogni vita precaria
e farne mostra di vanto e prestigio

Mi sfrattò a dicembre
con il freddo che accartocciava il dolore
e la neve  pareva una tovaglia per mosche
ora qui giace col suo volto severo
cotto su una lapide pacchiana

Qui nel paese dei silenzi sanzionati dal tempo
ove unica replica sfocata lente al ricordo,
ognuno che passa volge al cielo lo sguardo
fa mirini l'indice e il mignolo e poi l'accosta
al basso ventre a mimare un soppeso

Sul marmo fiori di plastica
dal neutro colore in rifiuto 
a rappresentare nessuna stagione
tanto meno il candore
delle piume degli angeli

A poca distanza un cipresso
dai cui rami cadono escrementi d'uccelli
che sembrano scrolli di pennelli
su marmorea tela di Van Gogh in delirio 

La morte, unico incorruttibile Giudice
capace di condannare indebiti appropri
e virtualmente restituirli all'esempio
---------------------------------------------------
Da:Vetriolo
www.santhers
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1054
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: QUESTA PIOGGIA   Gio Ott 27, 2016 10:10 pm

[ltr]Questa pioggia
un rumore di fruste
fa scappare i pensieri
tira i nervi sfibrati
e l'appende al cervello
mentre gli occhi nuotano 
nelle nuvole

Imitano dinieghi i tergicristalli
annullano ogni speranza
e torbide  pozzanghere
giocano col timore dei piedi,
segnano un punto 
a ogni bestemmia
deridono sondaggi di tacchi

Gli animali sospendono trame
e trasfusioni di sangue
in attesa si svegli il sole
impigrito sotto grigia coperta
ma un lampo gli fa da abat-jour
solo per andare a pisciare

Da un rudere il gufo
col metal detector
a sondare raggeli a paure
in cuori d'acciaio
spezzati all'azzardo
----------------------------------
Da:Sorrisi Pignorati
www.santhers.com[/ltr]
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1054
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: L'INFERNO   Mar Ott 25, 2016 1:50 am

L'inferno è sulla terra
e i demoni tra noi
con le mimiche trasparenti
li vedi ogni giorno
a disseminare esche
alle quali abboccano
a volte anche loro

Hanno il fuoco nel cervello
e le vene ad attizzarlo
e quando bruciano
mangiano la neve

Corrono veloci
per distaccarsi
dalla propria ombra
poi sfiancati ruotano su se stessi
e si fumano i respiri

L'inferno è un campo neutro
dove giocano i perdenti
e i vincitori li vogliono
a testimoniargli la vittoria
sul podio di lava 
attizzato da angeli puniti
disertori a trespoli di spalle
in continuo scrollo 
a farli cadere

L'inferno per ognuno
a volte è una dentiera
fuggita dai sorrisi
vola nella noia
sparata dalla follia
cade sulle ciglia
finisce tumulata nello sguardo
-----------------------------------
Da:Voci Dall'inferno
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1054
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: MOTEL   Dom Ott 23, 2016 11:13 pm

Primavere e inverni
vestiti intercambiabili
spengono e accendono
carni nel Motel,
macellaio il portiere
camuffato da poeta
le vende con pollice e indice
sfregati al baffo di vetro
e un sorriso a bocca chiusa
in una parentesi appesa alle ciglia

A volte ci sono fiori
in armistizio di profumi
mischiati a filigrana
sollazzati nel fruscio
di arrivederci divergenti
a V dal punto fisso

Arco monumentale
del cimitero degli ormoni
la vecchia insegna sfumata
con una lettera cadente
supplica il selciato
a fare da tagliola
di un tacco a spillo

Rosari di motori
rombi di preghiere
al Santuario dei ricci
———————————
Da:Soste Precarie
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1054
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: CASTAGNETO   Mar Ott 18, 2016 1:32 am

Uccelli nella nebbia
inchiostro al vento
a scrivere e cancellare
il divenire a cui i topi
tentano dare una cornice

Una moto a caccia dell'orizzonte
il rombo fa da battitore
e il pilota lo infilza
ma ci rimette un urlo

Macchie di sereno
il sole spoglia castagne
e scrigni d'ansimi i ricci
circoscritti da fruscii
di una fata 

La strada, tagliata
da creature misteriose
ed echi a volerla cucire

Carte di caramelle 
lanciate da una strega,le foglie
mettono paura ai cuori
asincrono ai respiri

Litigano i piedi
ognuno  a imporre direzioni
poi lontano il fumo di un comignolo
esca al naso li cattura
-------------------------------------
DA: Quando Gli Alberi Si Rifiutano Di Ospitare Le Foglie
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1054
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: ORA DI PRANZO   Lun Ott 17, 2016 2:11 am

[ltr]Il prete cucina bene
e i fumi d'arrosto
agitano l'orologio sul campanile,
le lancette litigano
e quella dei secondi finisce malconcia
si ferma sul numero sei
e il vecchio claudicante 
perde tempo per tornare a casa
ove la moglie inquieta
sfoglia e supplica santini

Nel traffico si parla con le mani
le auto imitano canguri
a volte gigantesche penne
e firmano l'asfalto

Vulcani sui tetti
orchestra di piatti e forchette
note sferraglianti
parole in metrica
con accenti variabili
al cozzare di bicchieri colorati

Bambini fuori rigore
briciole a palline
ossa a organetto
rimproveri baritono
tovaglioli a silenziare

Televisioni in playback
doppiatori al liscio di pance
opinionisti al conto di respiri
podio al divano
scodinzoli a catena
oblii russanti
-----------------------------------------
Da:Sorrisi Pignorati
www.santhers.com[/ltr]


Ultima modifica di michael$anthers il Mar Ott 18, 2016 1:33 am, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1054
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: LA PORTA   Ven Ott 14, 2016 2:50 am

La porta sigilla gli addii
ride quando è semichiusa
dorme quando non ci siamo
ci saluta alle spalle
conosce tutti i segreti
tambureggia fughe ed implori
ai suoi piedi pregano
amori e animali mentre Lei
corteggia una chiave
per una o più amplessi
-La porta traguardo e partenza
del nostro destino 
bacheca nel nostro passato
e bandiera congelata
di vacillanti ideali
ruota agli umori il futuro
-La porta, mantice d'aria
a cavallo immobile di passi
indecisi spronati da scarpe
all'insistenza strozzate
-La porta  anche aperta 
può fare da muro invisibile
e solo un sorriso può abbatterlo
-A volte stanca o distratta
lascia passare una lettera
che il cuore e una mano
hanno scritto senza consenso
del mittente smarrito
-La porta,orizzonte accorciato
a fermare l'oltre alla mente
spostato dal pallone di un bimbo
sgridato ci colpisce
con una lama di luce
nel tetro dell'anima
----------------------------------
Da:Sorrisi Pignorati
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1054
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: CADUCITA'   Lun Ott 10, 2016 2:40 am

Rosse, giallo e amaranto
le foglie nelle vigne
al loro maquillage nel distacco
a volte senza vento cadono
alla frequenza di una voce
addirittura di un pensiero
e di un battito del cuore
accelerato alla vista di una ragazza
che prova due grappoli a orecchini

Viali tappezzati
e ai lati scheletri in preghiera
agitati dal rombo di motori
che spingono custodie di lamiere
verso il progresso senza capolinea
e per i bambini le foglie svolazzanti
sembrano farfalle obese
in vani tentativi di decollo,
qualche vecchio l'immagina monete
per comprare gli anni
e perse nella fuga di un furto
oppure biglietti di viaggio
lanciati da un treno che non hanno mai preso
e ora l'ultimo che stanno perdendo

L'autunno è una sala d'attesa
ove ognuno sa di pagare
un capello,un dente,una lacrima
alla noia, alla nostalgia
rivali strozzini,invisi al tempo
che tollera delegando agli orologi

Giocano a tombola coi tartufi i cinghiali
e spesso vince un fucile fuori gara
e porta via le pedine
--------------------------------------------
Da:Quando Gli Alberi Si Rifiutano Di Ospitare Le Foglie
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1054
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: CARTA D'IDENTITA'   Ven Ott 07, 2016 2:09 am

Il nome non me lo sono scelto
e neppure il cognome
e la mia data di nascita
l'hanno scritta gli altri
l'ho letta dubbioso
quando ho imparato a leggere

Di professione faccio il poeta
ho versato contributi d'ozio
e quando andrò in pensione
voglio essere ripagato 
con la stessa moneta

Ho scritto cose inverosimili
se le avessi dette a voce
ora sarei al manicomio

Non mi sono mai sposato,
con la fantasia ho rubato 
pezzi migliori di ogni donna
e pigro insoddisfatto
non ho mai terminato il puzzle

Da giovane ero fiero comunista
ora voto per me stesso
facendo una X sull'alone dello specchio
anche se quella voglia indomita
di scansare a sinistra m'è rimasta
quando c'è da lavorare

Le mie poesie più belle
non le ho scritte
per farlo avrei dovuto indagare
aprendo l'anima alla luce
e si sa con finestre e porte aperte
entra di tutto e specie i topi
non li puoi più cacciare
e rosicchiano gli scaffali d' emozioni
----------------------------------
Da:Sorrisi Pignorati
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1054
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: TRESPOLI DI FUMO   Mer Ott 05, 2016 2:09 am

[ltr]Tra fruscii di parole
saltate da tinte fosche
e spezzate dal rombo dei motori,
ambulanti discariche di ormoni
su steli di parrucche
vegliate da lampioni 
e falò di copertoni,
la notte è un telo nero 
bucato da scintille
e i cuori tamburi di filigrana
percossi con tacchi a spillo
tacitano malelingue
e qualche canto di grillo
-Cuori senz'ali
riposano
su trespoli di sigarette
---------------------------------
Da: Sorrisi Pignorati
www.santhers.com[/ltr]
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1054
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: RANDAGI   Lun Ott 03, 2016 2:27 am

Orecchie a filtro di rimpianti
cuore a scrigno di paure
pelo in guerra fratricida
e passi a scatti molleggiati
come a non voler essere 
di peso alla terra ostile,
sempre pronti a schivare
parole,vento e mimiche,
non sanno dove andare
il pensiero non sa volare
la storia vera non li aiuta
e abbaiano per ricordare al tempo
che si sono anche loro

Il sole è un nemico
illumina e cucina ferite
e le dà a mosche e bastoni
invece con la luna misteriosa
rientrano in partita
ma si fa vedere poco

Unico portafortuna
fiducia in se stessi
e quando bevono
digrignano al riflesso 
minaccioso a rubargli l'acqua

Rifiutano carezze
le mani sono catapulte
tradiscono anche le pietre
raccolte si credevano souvenir

Nemici dei lupi
e cacciati da Giuda,
nutriti di tremori e scarti
nascosti dietro ombre di vetri
con la coda a bussola di minacce
e a bersaglio di mille colpe inventate
-----------------------------------
Da:Sorrisi Pignorati
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1054
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: RUGIADA   Sab Ott 01, 2016 2:42 am

[ltr]Aria di rugiada
rende spugnoso il suono delle campane
e accartoccia le foglie sul baratro dei saluti
anche gli orologi nel loro ticchettio arrancano
e nel salto dei numeri spinti dai battiti del cuore
ringraziano vene ai polsi

La rugiada dipinge d'argento fili d'erba
e orme di scarpe paiono barchette
contate da bambini su onde congelate

Uccelli scivolano sui rami
e nel rivendicare appiglio 
con le dita delle zampe
inconsapevoli giocano a morra
e qualche vecchio su una panca
l'annovera a una cabala 

Spegne lunghe arsure l'asfalto
e in nuova cotica solleticato
da copertoni si rifà il maquillage
e a volte capriccioso li fa scivolare
in altri intenti

Lento beve il sole, a goccia a goccia
disseta gli incubi della notte
e spegne l'ardente passione per la luna
innamorata follemente di Giove................
-----------------------------------------------------
Da:Quando Gli Alberi Si Rifiutano Di Ospitare Le Foglie
www.santhers.com[/ltr]


Ultima modifica di michael$anthers il Lun Ott 03, 2016 2:32 am, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1054
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: VIGNE   Gio Set 29, 2016 3:07 am

[ltr]Le viti succhiano il sangue dalla terra
i contadini lo rimettono in circolo
e tutti diventano più giovani
i vecchi addirittura bambini

Vola la fantasia,va per conto proprio
ma non ha il brevetto da pilota
e incauta va a schiantarsi

Il vino frequenta gli altari
e tanti animali sanno
che prima o poi dovranno sposarlo
ma la luna di miele sarà sacrificio ai deliri

Guardatele le viti, storte e allineate
sembrano vene fiorite
e i fiori assoldati a mediare
tra gioia e tristezza

Le vigne,speranze coltivate,
finiranno in bicchieri di vetro
indossati come occhiali
a correggere la realtà fuori gradazione
--------------------------------------------
Da:Soste Precarie
www.santhers.com[/ltr]
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1054
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: AUTUNNO DEI PERDENTI   Mer Set 28, 2016 2:34 am

Muoiono le foglie
il muschio si ravviva
e fa da cappotto alle pietre

Alcuni alberi barattano
i frutti con gli arrivederci
e i mercati si colorano
di doni pignorati

Guidati da geometri invisibili
ritornano grassi i torrenti
scalzano Italiani arresi sotto i ponti
e tavole e cartoni con scritte
...fragile don perignon
imitano puzzle di barche
galleggiando vanno verso il mare
che sazio ne ha viste già troppe
e non li vuole

Condomini occupati
da immigrati clandestini
e da animali che vengono sparati,
alcuni nel rifugiarsi 
rotolano in qualche cappa di cucina
annullando rinvii al pranzo

La fantasia non ha limiti
gli sfrattati autoctoni si tingono di nero
col lucido delle scarpe
per sembrare Africani
e scroccare un pasto
senza doversi vergognare

Mi colpisce una quaglia
con l'orologio impallinato
e quello del campanile è rotto,
ha perso lo stormo
vaga da circa un mese
poi pregando finisce in un quagliomedro
ove in corso il sinedrio dei cani
e i falegnami rifiutano le croci
e si lavano le mani
scrivono in rosso con piume
le risate
------------------------------------------
Da: Normalità Incondivisibili Tra Maschere Clonate
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1054
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: CADONO LE FOGLIE   Ven Set 23, 2016 2:56 am

Cadono le foglie
salutano nel vento
vanno a posarsi sulle tombe
coprono qualche scritta
si fa balbuziente il dolore
poi lento a diventare muto

Cadono le foglie
s'accumulano sui tetti
macere al germoglio di un seme
e un fiore omaggia
il due novembre degli emigranti

Cadono le foglie
qualcuna si poserà sui tuoi riccioli
e all'ennesima folata
cadrà nella valle del tuo seno
e a toglierla nel sogno
perderò una mano

Cadono le foglie ai piedi
stridule a ogni passo incerto
ognuno per un anno
impiccato nella bacheca dei ricordi

Cadono le foglie
per insegnarci con pazienza
che dall'alto del nostro trono
dobbiamo sottometterci alla terra
--------------------------------------
Da : Quando Gli Alberi Si Rifiutano Di Ospitare Le Foglie
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1054
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: PROGRESSO   Gio Set 22, 2016 2:28 am

Catramati alberi superstiti
assaliti dal cemento
e i rami frustano i corvi
arresi ai presagi,
gracchiano chimici sprechi

Sprechi alimentari
ingrassano a dismisura
contese risolte da coltelli

Balconi trespoli di noia
e gli affacci gareggiano all'ignoro
vince la solitudine di spalle

Nel traffico si sparano coi claxon
mirino ogni dito medio
affacciato da pugni chiusi
indica al cielo stelle di vetro

Sui muri, scritte di leggi proprie
inneggiano a delinquere
per svegliare i tribunali
ove Giudici si cullano nell'anarchia

Nelle ferite dell'asfalto
germogli di tarassaco
input ad alzare zampe di cani
che frettolosi ci ripensano
e rimandano a copertoni

Anelli e tatuaggi
mimano qualche frase
per amori non rientrati sulla pelle

Da campanili di chiese di cartone
con feritoie  a sfogo d'implori maceri
campane Cinesi richiamano il tempo
disertore agli orologi
e fuso al misticismo serafico dell'anima
------------------------------------------
Da:Sorrisi Pignorati
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1054
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: RAGGI A ROMA   Mer Set 21, 2016 3:41 am

Raggi di ruota che non cammina

Raggi di sole nella nebbia
ognuno a velare una speranza

Raggi, due per uno
a diametri ruotanti
in uno zero immobile
e frecce boomerang
di due archi che incollati
si danno le spalle

Raggi,indici d'additi allo specchio
uguali e contrari si discolpano
e sullo sfondo i Giudici
sentenziano il riflesso

Raggi tutti uguali
dorsi di coltelli 
affettano una roulette
e a qualche giocatore
spetta la pallina
e non  vince nessuno

Raggi, corolla di margherita
sfogliata per un amore
ma l'ultimo petalo cade
prima d'esser pinzato dalle dita                         
-------------------------------------
Da:Poesie Cialtrone
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1054
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: SPIFFERI D'OTTOBRE   Mer Set 07, 2016 2:00 am

Il vento rastrella l'ultima calura
annidata nei muri
e l'inverno chiede all'autunno
di provare il ballo dei denti
e il volo delle foglie,
concessione accordata
a patto di qualche affaccio
seppur guercio di sole a compenso

Gli uccelli nella muta
pregano piume attardate
e nei torrenti le stimolano
con fremiti e brividi
poi in esame s'involano
e il responso nel canto
stridulo o melodico

Amori sopravvissuti all'estate
avvertono qualche lama di freddo
e coi cuori ancora spogli e sinceri
si fanno scudo l'un l'altro
e a pietra focaia le labbra
a dar fiamma a impigrita passione

Davanti alle scuole bambini
che mimano a raccogliere
palloni insabbiati,
trascinati da mamme sull'orlo dei saluti
e qualcuna con un ciuffo innevato
e tanti granitici dubbi al rimando
ammorbiditi da solitudine e mare
s'innamora in ritardo
di un corteggiatore stipato
---------------------------------------
Da:Quando Gli Alberi Si Rifiutano Di Ospitare Le Foglie
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1054
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: S'ACCORCIANO I GIORNI   Sab Set 03, 2016 2:13 am

Le nuvole, fumo della pipa di Dio
che ne ha viste di tutti i colori
e i raggi di sole,nicotina al sogghigno

Nella radura del cielo
confinante tra grigio e sereno
qualche uccello migrante
punto nero vagante 
sulla lavagna del tempo
tremulo a spezzare una frase
nata preghiera e finita al non senso

Corde di violino sonate dal vento
i capelli di  una fanciulla
e la melodia malinconica
a richiamare un bacio sprecato
----------------------------------------
Da: Sorrisi Pignorati
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1054
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: SCRITTURE DI SABBIA   Ven Set 02, 2016 2:54 am

Turisti tristi a partire
felici all'addio i camerieri
in qualche arrivederci 
augurato su un pianeta diverso

Qualcuno arroventa scongiuri
sulla spiaggia ha perso l'anello nuziale
lo troverà un cuoco col metal detector
e si sposerà col suo cane

Un granchio col cambio automatico
non conosce la prima 
e va a retromarcia
verso una scorza di melone
contesa da gabbiani e lucertole

Brandelli d'ombrelloni
giocati dal vento
a bandiere di tregua
tra versi e poeti
al dubbio tra canti di sirene
e rumori del mare

Persiste su un dosso
una scritta solcata dal dito
ma due vocali stirate
dall'orma di un piede
lasciano un amore a consumarsi
nel dubbio di un nome

Galleggia sulle onde
la foto del sole
col biglietto già pronto
in bocca all'ultima rondine
-----------------------------------------
Da:Normalità Incondivisibili Tra Maschere Clonate
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1054
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: DUE SANTI   Gio Set 01, 2016 2:25 am

Gli Italiani hanno due Santi
uno in terra che li aiuta a peccare
e l'altro in cielo che li assolve,
nel portafoglio custodiscono due Icone
una sorridente e l'altra sofferente
un volto da sgherro 
e l'altro Bizantino
uno procura l'agnello 
e l'altro lo sacrfica al cielo
e loro innocenti,devoti
ripuliscono la carcassa
-Tra politici e Santi
non c'è differenza
e gli angeli custodi
dormono sul trespolo 
dell'indifferenza
---------------------------------------
Da: Sorrisi Pignorati
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1054
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: PAESE SENZA NOME   Mar Ago 30, 2016 2:17 am

Sciatto,sbracato nel mare
che ai piedi sembra frenare
per non essere contaminato
da letargie e umori nefasti

Porro screpolato
seccato dal sole
e i dirupi adombrano mosche
suonano bizzarrie del vento
richiamo di gazze e cornacchie
plananti su rosari
imbrogliati da pollici

Sbuffa una fontana muschiata
ha una vena pressata da camion
e qualche bottiglia derisa
assetata solo si lava
allora concave mani di vecchi
fanno un laghetto alla bocca
e la legano alle scarpe
con fili d'argento

Turisti, emigranti tornati
trasognanti raccontano cose mai viste
ma chi l'ascolta ci crede
è il solo modo per sfuggire alla noia

Da lontano, accento scrollo di sguardo
su onde che cullano plastica
qualche barchetta
con reti zavorrate ai fondali
mentre i pescatori con berretti al contrario
doppiano racconti di vino
e ogni tanto si fermano
per additare una donna
che cammina sull'acqua

Tra faro e tramonto
l'arcobaleno cucito da gabbiani
ponte a speranze e addii
---------------------------------------------
Da: Quando Gli Alberi Si Rifiutano Di Ospitare Le Foglie
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1054
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: FINE AGOSTO   Mer Ago 24, 2016 2:37 am

Le mura puzzano 
di cemento rovente 
e i rami delle piante
braccia dinoccolate 
sulla croce del vento

Qualcuno è partito
ha lasciato nell'aria l'ansia del ritorno,
agosto è il mese di Caronte
trasporta all'altra sponda
i dolori grigliati al sole

Questo mese
lifting dell'anima
con l'intento di non riconoscersi
anche se le rughe 
trincee scavate negli occhi
nascondono  anni
che sparano sul sorriso

L'ultimo attardato
ricuce con biascichi
i brandelli di un aquilone
su cui volava pigro un sogno

Compatta la battigia
a ogni sciabordio
archivia una speranza

Megafono ai segreti del mare
un secchiello semi sepolto

Indossato per dovere
e perso,un anello
aureola a un granchio
sfuggito alle reti
-------------------------------------
Da:Sorrisi Pignorati
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1054
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: FIORI   Ven Ago 12, 2016 2:09 am

Fiori per non dimenticare
fiori per contare le stagioni,
orgasmi di piante
per alare cuori che non possono volare
e parole che non vogliono apparire
ma poi si tradiscono
e prendono il colore dell'anima

Fiori che durano poco
ma indelebili al ricordo
che non li fa appassire mai

Fiori mediano il dolore
e quando muoiono
ci lasciano l'arrivederci
a cui non possiamo mancare

Fiori a primavera
a scuoterci dal torpore
e a dirci che la vita è breve
un'illusione,attimo di gioia e pausa
nel mezzo di malinconia e noia
e proprio quella pausa è redenzione

Fiori,il nostro silenzio
nel delirio rumoroso dell'inconscio
colorano pensieri grigi
e gli occhi vedono l'arcobaleno

Fiori,esca del creato
a farci abbassare le difese
e trafitti da un sorriso

Fiori, piume seminate dagli angeli
come briciole di pollicino
a segnare il sentiero
per ritornare all'umano
-------------------------------------------
Da:Quando Gli Alberi Si Rifiutano Di Ospitare Le Foglie
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1054
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: NOTTE INSONNE   Ven Ago 05, 2016 3:14 am

Notte insonne dei preti in convento
cilici frustanti allertano rondini
e gatti in agguato aspettano errori

Sigarette a ceri, dietro finestre
bruciano la noia e fanno da semaforo
a pensieri carichi di follie
che una tenda cerca di addomesticare

La luna, una maitresse scorbutica
bacchetta le stelle che rifiutano implori
e una si spegne a un desiderio arrapato

Le macchine rincorrono i fari
e qualcuna li prende
li acceca sul muro
licenzia il pilota

Al bar s'incrociano
l'ultima amaro e il primo caffè
salutano rughe e occhi stravolti
poi il barista con due dita imita la testa del bue
li assolve con una parcella
che vale un buon giorno d'augurio

Raccolgono frattaglie di sogni
i netturbini vestiti a lingotti
e tambureggiano il buio
per stanare la luce

Una coppia in perenne ritardo si bacia
e l'ombra a terra, gelosa diventa uno sgorbio
ma il vento muove una frasca
che copre un lampione
e la luce l'aggrazia,li sposa
--------------------------------------------
Da:Normalità Incondivisibili Tra Maschere Clonate

www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1054
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: SABATO D'ESTATE   Dom Lug 31, 2016 1:56 am

Accelerano per andare dove non sanno
tossiscono e bestemmiano i motori
e teste molleggianti sciacquano sguardi
poi qualche lampione s'inchina e si spegne
e sul viale la luce si conta tra sinistre ombre
e nella pausa si riparte da gatti e cani
stirati a zerbini di qualche stella

E' la città degli zombie
che si cercano da morti
tra musica esplosa dai finestrini
e danze vibranti di finestre chiuse

Il silenzio è vuoto da riempire
e in rare pause  di rumori 
qualche rapace canta stridulo i presagi
a cui i topi sono assuefatti

Miraggi d'infinito
e il tempo fuori conta,raggiungerlo,
gli orologi zavorre di sterili pensieri
derisi da frequenze cardiache
rimbalzanti sull'anima, pelle di tamburo 

Vecchi sui balconi si scorticano l'afa
incrociano pertiche d'aria
e sognano il podio di Morfeo
di lì a poco frustato da ambulanze

Appena dietro l'alba,il sole
a caccia di una nuvola
per filtrare al giorno la violenta notte
----------------------------------------
Da:Sorrisi Pignorati
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1054
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: TORRIDA ESTATE   Gio Lug 28, 2016 3:07 am

Il sudore brucia gli occhi
stropicciati a dorso di dita
e i sogni hanno bisogno
di palpebre adagiate a riposo

Sole e sabbia giocano
a ping pong con la calura
e a volte s'impiglia nei capelli
altre fa un vino bianco coi cervelli

Masticano a vuoto le bocche
le parole urtano sui denti
e ove laschi fischiano
allertano cani che rispondono
con un colpo di coda
mossa con pigrizia
cade a ramo secco
e i bambini l'additano ai nonni
intenti a fabbricare raucedini

A vuoto le notizie di qualche giornale
utile a ventaglio alleggerisce bugie
pagate a convincere che ogni colpa
è degli altri,del governo

Afflosciate dormono
imitano pipistrelli le foglie
con il loro verde patinato argento
nel riflesso d'aria infuocata
mentre qualche tosse del mare
increspa pigre onde a retromarcia

Fazzoletti alla fronte
pezze a tamponare
la fuga di pensieri roventi
verso tane d'animali
---------------------------------------
Da:Quando Gli Alberi Si Rifiutano Di Ospitare Le Foglie

www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1054
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: FESTA PATRONALE   Mar Lug 19, 2016 2:42 am

Sulla giostra i bambini
festosi perdono grugni e dentini
e gli adulti soldi e capelli
mentre un altoparlante
gracchiante dice altro giro

Donne con la gonna più corta
a volerla in scaltra finta allungare
si contendono sguardi di mariti
ridotti a cani da compagnia
e ogni tanto una gomitata al fegato
gli ricorda il guinzaglio e l'abbaglio

Il venditore di scapece ubriaco d'aceto
sostiene che i pesci giallo oro
si sono immolati per una sirena
troppo bella lasciò il mare per sempre

Sulle bancarelle,patacche
innescano sogni da ricchi
tra luci e diamanti
stelle a occhi dietro le nuche

Fumiganti panini,trappole a diete
mai specchio imbrogliarono
e qualcuno a evitarli rumina semi
si liscia la pancia,maledice un bottone
simula filo a piombo a una pertica

Un cantante fosforescente ,un pò calvo
assomiglia vagamente a una foto
sulla locandina e scambiato
per sosia del nome che porta
e azzittito dai fuochi d'artificio,
che mettono in fuga atterriti animali
disorientati disegnano stradario
di dileguo al playback
---------------------------------------------
Da:Poesie Cialtrone
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1054
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: VECCHI E CALURA   Gio Lug 14, 2016 2:54 am

Sulle panchine disabituate
all'ozio dei ricchi
fanno a ventaglio i cappelli
lucidati da polpastrelli e sudore,
ansimano e boccheggiano
qualcuno fuma a effetto placebo
e nei polmoni la calura s'arrende

In giro c'è sempre un giornale
miccia all'anima macera
esplode a ingiustizie
sorde e scudate d'acciaio,illese
allora si consolano con paragoni
e rammarichi tra ricordi e presente
e qualche gesto che vanga
rancori oltre le spalle

Ragionieri al lunario
ai numeri stanchi suonano
pianoforte le labbra
e con saliva raffreddano l'attrito
mentre la bocca simula azzanni
a una bistecca vista l'ultima volta
su un depliant regalato dal vento

Termometri i cani
con la lingua il mercurio
i denti scala centigrata
e quando oltre, azzerata
simulando mano alla tasca 
a cerca di ricompensa
ma alla fine resetta il tutto la coda

Passa qualche donna
dalle forme perfette
capace di fare tremare
lo scalpello al Canova
e subito un fazzoletto alla fronte
bandiera bianca al declino
sopra occhi girati al cielo
a interpretare il perdono

Trema l'aria rovente
e le gazze ci ballano sopra,
perdono qualche piuma
freccia infilza la terra
come a dire seguitemi
----------------------------------------
Da: Quando Gli Alberi Si Rifiutano Di Ospitare Le Foglie
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1054
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: LA LUNA   Mar Lug 12, 2016 2:36 am

La luna
marengo gigante
speso dai sogni
di due fidanzati

Il povero la vede
stagionato formaggio
e con una mano l'affetta

Per il contadino
la moglie del sole
che con grazia discreta
accarezza, sussurra al raccolto

Per il bambino
pallone impigliato nel cielo
e aspetta che il vento
la faccia cadere

Rotoballa di fieno
all'asino
messa troppo in alto dal padrone
per punire la sua testardaggine

All'ubriaco pare
grossa lampada
che ha esaurito le pile
e alibi a spiegare alla moglie
gli inciampi e il ritardo

Qualcuno dice
è luce soffusa di Dio
in aiuto ai ladri
a riprendersi i furti della politica

La luna
uno specchio dei desideri
dipinti dall'anima
----------------------------------------
Da: Normalità Incondivisibili Tra Maschere Clonate
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1054
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: AGRESTE RICORDO   Dom Lug 10, 2016 2:40 am

Sotto un cielo di cobalto
orfano d'aureole bianche d'allodole
i papaveri nei campi di grano
rubini su lenzuola d'oro

Un mostro d'acciao
divora panini di paglia
con companatico ultime quaglie

Batter d'ali al dileguo
il rumore di chicchi
spinti all'accumulo

Un ricordo lontanissimo
allevio allora d'estenuanti fatiche
torna vivido agli occhi,
una fanciulla con fiordaliso ai capelli
tra ondeggianti spighe mature
in contrasto con acerbo sorriso
prestigiava al mio cuore coniglio
la sua timidezza,
---------------------------------------
Da:Destini E Presagi
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1054
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: REPORTAGE   Mer Lug 06, 2016 2:44 am

Nel disordinato ordine le case
ubriachi addormentati
e le finestre occhi guerci
semi aperti a spalla su spalla
con affacci a tetti,scaglie di coccodrilli

Mosaico di follie e miserie
il selciato,lotteria d'inciampi 
tra sputi e invettive
e tra una pietra e l'altra
fessure a bocche ruminanti
e l'olio dei motori  la bava 

Saltellano i bastoni dei vecchi
astiosi bussano al domani
s'incagliano nei ricordi
e disincagliati da scarpe eccentriche
a movimento di baionetta

Su panchine sciancate da vandalismi
con scritte avanzi di grammatica
donne con anni persi nei capelli 
recitano la cronaca sempre uguale
salvo aggiungere particolari
fatti di mimiche e gomitate
coadiuvate da singhiozzi
e vuoti abbracci che allo smuovere aria
cambiano pagina

Molle compresse da respiri,i passeri
ammorbidiscono briciole alla fontana
con eterna tosse ad allarmarli
e farli ripartire verso il campanile
faro spento del tempo

L'unica edicola ove i giornali
al solo intento a confermare
in dispute d'avanguardie
e vanti d'erudizioni
..te l'avevo detto
-------------------------------------------
Da:Sorrisi Pignorati
www.sanhters.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1054
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: LUGLIO   Lun Lug 04, 2016 1:34 am

Ingrassano le ombre
poi longilinee la sera
pertiche all'orizzonte
puntellano il cielo
tenuto a bada da aperitivi

Cervelli bolliti
raffreddati con cocomeri,
dall'alto la spiaggia uno spiedo
mangiato da fotografie
e finestrini osè

Tra cani e padroni
la differenza la fa la lingua
e la coda che imita l'elica
ruotata al ritorno odiato

Zanzare e mosche
punti e virgole a sguardi
rocamboleschi
a leggere seni intravisti
dietro sipari di capelli
tra aggiusti calcolati
e collezionati

Cielo d'ognuno in miniatura
gli ombrelloni
ai desideri risparmiano le stelle
e qualche orologio d'oro
forse un rolex le imita

Caronte i bagnini
con sorrisi usurati
traghettano vanità
e pagati con capricci da coniare
e illustrare sul carnet

Pezze d'arlecchino i bambini
striduli al mosaico di dialetti
e di una lingua madre
accentata a un nord variabile
sempre sorpassato in vetta
mai trova pace

Traiettorie di rondini
a stradario di pensieri
intenti a sbagliare
ogni via che riporta a casa

Frantoio la calura
spreme argento alle fronti
e qualcuno lo prende
per vinsanto
------------------------------------
Da:Soste Precarie
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1054
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: OLTRE   Mer Giu 29, 2016 2:45 am

Oltre 
limite,  mistero 
emozione indefinita

Oltre
è vincere o perdere
amare o uccidere
è il primo volo oltre il nido

Oltre
concentrici orizzonti
nel mare d'illusioni
che lo sguardo spinto 
da piedi fremiti
rincorre senza mai raggiungere

Oltre
questo tempo soggettivo
recintato nel rosario dei repiri
dettato dall'anima

Oltre
sorpasso quotidiano
della normalità
al guinzaglio della mente

Oltre
ultimo piolo di una scala
che porta in alto la paura
a sedersi sul trampolo
della gioia

Oltre
podio della sera
ove  premio è riprovare

Oltre
meta d'orgoglio
da raggiungere a ogni costo
ignari che a volte
è già alle spalle
o spostata dal coraggio
----------------------------------
Da:Sorrisi Pignorati
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1054
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: BORGHI   Mar Giu 28, 2016 2:21 am

Case, cappotti di pietre
coi loro berretti di creta muschiata
ove nell'imperfezioni
i passeri fanno il nido
e nell'andirivieni malinconici pigolii
evocano tempi andati
fatti di abiti rattoppati
e consumate pezze
perdevano il filo
sventolando alle corse
senza meta dei bambini
con denti molati
da reliquiose croste
estratte da bucate tasche
nelle quali il sogno
vi posò un soldino
mai speso con la fantasia

Cronisti del silenzio,i vecchi
accerchiati dal progresso
che come un topo
rosicchia il sacco
e chicco dopo chicco
s'affloscia a terra

Monumento alle fatiche
alberi monchi
dal lasco fogliame
tremanti al rumore di motoseghe
rabbiose nei paraggi
sputano incenso
trasportato dal vento
che ulula presagi
--------------------------------
Da:Soste Precarie
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1054
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: NOTTE AFOSA   Dom Giu 26, 2016 10:06 pm

Luna in standbay
stelle col sorriso imbalsamato
il cielo è una spugna
strizzata dalla notte
e le lucciole ambulanze ai pensieri

Ciglia inzaccherate
cercano un trespolo nel sonno
poi si posano su un dito
e archiviano le immagini

Ovattato il rombo dei motori
i lampion  friggono la luce
e le prostitute fanno uno spuntino
mentre i magnaccia asciugano
i crocefissi d'oro al collo
preoccupati testano 
umido fruscio di filigrana

Slittano le bramosie degli amanti
sui filamentosi baci
e le parole appesantite
rotolano nel fosso dei cuscini
evocano il rimando
mimano carezze

Cortocircuito ai baffi della volpe
e un topo la deride alle spalle
----------------------------------------
Da : Un Temporale Acclamato Con Nuvole Dirottate
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1054
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: VECCHIA PIAZZETTA   Sab Giu 18, 2016 2:34 am

Vicoli, suonati dal vento
nelle fessure gli spartiti
e balconi escrescenze di noia

Tegole biblioteche di rimorsi
fermati da pietre punto e a capo
ingiallite dal muschio
raucedine del tempo

Bandiere d'ogni credo
panni appesi a fili d'arco
sventolano copie d'anime
e nel vento fanno l'amore

Rimbalzi di pallone
affacci a maledire
rivendicano la pace
con minacce di coltelli
a suppliche di monelli

Litanie, cucite da cani e gatti
tornano eco nella piazzetta
rubano fessure alle finestre
dividono bottini con televisori

Antenne e comignoli
barattano umori
e quelli venuti da lontano
a cottimo sui dialetti

Algebrici voli
di rondini e piccioni
chiudono parentesi 
a mosche e farfalle
e qualche topo
conta una briciola,
tossisce la fontanella

Una pietra del selciato
scacciata dalle radici 
dell'antico platano 
segna inciampi al calzolaio
-------------------------------------------
Da:Sorrisi Pignorati
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1054
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: IL MARE   Mar Giu 14, 2016 1:52 am

Col suo eterno sciabordio
a volte simile a una danza senza festa
il mare paziente divora
gli abusi edilizi
e innesca lamenti degli abusanti
al governo che promette risarcimenti

Schiuma,plastica e petrolio
salsa a pesci che non vollero parlare
per una zuppa che non mangerà nessuno
anzi divorerà i commensali

I marinai non piangono mai
per non disperdere le lacrime
fumano soltanto per carpire 
la direzione del vento
che a volte frusta il fumo nelle bocche
per non farlo sentire incenso d'omelie

Le barche, gusci di noci
e il gheriglio umano 
tenta di germogliare
ma il sale l'imbalsama ai fondali
tra tentacoli di piovre
e la statua di una sirena a premio

Il mare,una memoria senza tempo
ove i ricordi combattono per lo scettro
ma vince sempre l'ultimo dei vivi
e quelli che la storia rigurgida
-----------------------------------------------------
Da: Amori Scaduti Di Un Essere Qualunque
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: QUANTI ANNI   

Tornare in alto Andare in basso
 
QUANTI ANNI
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 2 di 26Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3 ... 14 ... 26  Seguente
 Argomenti simili
-
» Smigol
» Io non dimentico
» Abito anni 50
» 2011 Walt Disney World compie 40 anni
» Quotazioni degli anni passati...

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
BestiarioPoetico :: LO SPECCHIO CHIAROSCURO :: PAGINE DI MICHAEL SANTHERS-
Andare verso: