BestiarioPoetico

Il Pensiero riflesso nello specchio oscuro
Gli animali e le figure nell'immaginario - Gli eventi e la memoria
Letteratura - Poesia - Arte - Filosofia - Etica - Bioetica
Miti e Leggende



 
IndiceIndice  PortalePortale  GalleriaGalleria  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  
Mi piace pensar che qualcuno -girando e dell'altro cercando- curioso, per caso si trovi davanti una pagina, l'apra, la legga e qualcosa d'intenso rimanga, come quando si coglie al tramonto il colore del sole che muore, mai uguale, sapendo che è solo di un attimo

Condividere | 
 

 QUANTI ANNI

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1 ... 5, 6, 7 ... 16 ... 27  Seguente
AutoreMessaggio
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1073
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: QUANTI ANNI   Lun Lug 19, 2010 2:52 am

Promemoria primo messaggio :

Ho il doppio degli anni
della vita massima
di un cane di buon padrone

Ho gli stessi anni di un mercante
tra l'avvio e l'arrivo
meno quelli di un bambino
al primo stupore

Ho gli stessi anni di un padre
che smette di esser figlio

Ho gli stessi anni della metà distanza
tra gli occhi e il tramonto
dietro l'ultima collina

Ho la stessa età di chi può anche arrendersi
e il doppio di chi spera senza affanni

Te lo dirò bambina mia
anche se il conto è facile
ho solo cinque anni in più del tuo sorriso
---------------------------------------------------
Da:Amori Scaduti Di Un Essere Qualunque
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1073
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: SUPERSTIZIONI E PRESAGI   Mer Ott 28, 2015 2:35 am

Se un gufo, di notte appollaiato
canta insistente sul vostro comignolo
vi sta solo ricordando amichevole
che andate a dormire troppo presto

Se un corvo assopito,arruffato,annoiato
sul balcone del sindaco al municipio
vuol dire che questo è agli arresti domiciliari
insieme alla giunta 
mentre gli impiegati tutti al bar
ad attenuare il dolore al triste evento 

Se un politico vi taglia la strada
chiudete pollice medio e anulare
e puntate indice  e mignolo al basso ventre
e poi toccate un mazzo di chiavi

Se un gatto nero vi taglia la strada
dategli dei croccantini
e se randagio adottatelo
vi porterà molta fortuna,
darà sorridente luce
all'anima da tempo incupita

Se un cane vi ringhia minaccioso a un cancello
sta solo proteggendo ciò che il padrone
con arguzia nel tempo ha rubato

Se incontrate un poeta, seguitelo
esso vi insegnerà l'ozio
e come trasformare ogni realtà
in apprezzate bugie

Se nel cielo scorgete anche una sola nuvola nera
comprate subito dall'ambulante  Marocchino 
un ombrello prima che raddoppi 
alle prime gocce il suo prezzo

Se non avete niente da fare
leggete questa poesia e capirete
che l'ovvietà può diramarsi con sorpresa
in strade diverse
------------------------------------------
Da:Poesie Cialtrone
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1073
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: NEBBIA   Mar Ott 27, 2015 3:06 am

Scheletri spolpati dal latrare
i rami degli alberi
o anemiche vene
di sogni rifiutati dal cielo

Voci unte scivolose incontrollate
sfuggenti al rombo di motori
che reclamano l'asfalto
avido di foglie

I comignoli rimarcano grigiore
a orizzonti murati ai nasi,
umidi gocciolanti cercano sciarpe
sotto terrazze di capelli persi e ribelli,
visiere di berretti

Friggono l'aria i fari
e la spalmano sulle scarpe
e alcune fradice sorridenti
mostrano linguacce di calze

Tacchi di ragazze bussano
a cuori di cartone
e a insistere bucano l'amore

Appannate le vetrine
fanno da velo trasparente
a spogliarelli immaginati
------------------------------------
Da:Quando Gli Alberi Si Rifiutano Di Ospitare Le Foglie

www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1073
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: SAGOME D'AUTUNNO   Mar Ott 27, 2015 1:55 am

Gonne al vento
mani a fermagli
sorrisi a distrarre
occhi roteanti
e appesi al cielo
poi cadono sulle scarpe

Barbe bianche s'increspano
si riprendono l'argento
e gli anni usano altalena
peli ribelli

Facce turchine
passi striduli
bastoni a bussola
i vecchi trovano la loro isola
e la segnano con filtri di sigarette

Nel cielo terso
nuvole a chiodi
trema l'aria
infilzata da cormorani a freccia
indicano altrove 
che ognuno si fa a misura
e spilli di freddo
scuotono sogni
già su cartoline

Erba in feritoie
in spugnose mura
tisane d'ossa
addolcite da piccioni e corvi

Tambureggiano palloni
di educatori persi
e la pace fa eco
a finestre chiuse,
dribbla superstiti denti
fischiante frase
farfugliante al peggio
di un volto innevato
su divisa nera
--------------------------------
Da: Normalità Incondivisibili Tra Maschere Clonate
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1073
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: NOVEMBRE   Dom Ott 25, 2015 1:59 am

Foglie variopinte

vento traditore

gioca a fremiti

a saluti forzati

danzanti al macabro

e i rami si preparano alla solitudine

e al sorteggio di accette ubriache



I ruscelli si riprendono il letto

saccheggiato dall'erba

e suonano la marcia sui ciottoli

che al sole avevano fatto

da cuore ai serpenti



S'involano i giornali

pieni di retoriche

lette dalle foto rubate a cena

dal sonno senza pace

perso nei meandri di una cabala



Perde gradi e guadagna catarro

l'asfalto forno di piedi incerti

al pesto alzato unico sollievo

e agli angoli ora riprendono

soste di espulsi dalla vita



Striduli tappeti

inviti al rimarco d' anni

appesi al filo di coppole aquiloni

pilotati da balbuzie e starnuti



Folate e fruscii

all'ombra della luna

rastrellano spasimi dei morti

e qualche nuvola li traduce

ai gatti che miagolano presagi



Lame di luce

sguainate da casolari

stelle polari ad animali

e a solitudini che hanno perso

le figure



Prega da sola su una chiesetta

scoperchiata da implori

qualche croce arrugginita

insediata da una banderuola

-----------------------------------

Da: Una Farfalla All'ombra Della Luna

www.santhers.com
[ltr]

[/ltr]
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1073
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: PENSIONE   Mar Ott 20, 2015 2:20 am

Sinistro progetto di Santi
elogiati sul calendario del diavolo
per aver spostato di sette anni l'età pensionabile

Tanti nel tempo infinito 
contato a dita incrociate,oliate da sputi
con stenti dipingono di nero gli specchi
poi s'ammazzeranno con l'alcol,
qualcuno s'improvviserà ladro
e sarà preso e per vergogna s'impiccherà

Vagano per i giardini pubblici
sotto aureole di cipressi e applausi di gazze
vestiti a vela col naso arricciato in rifiuto a timone
vecchi disoccupati,anonimi al nome
barricato alle orecchie 
e che avevano progettato di volare
e faranno la fine di Icaro
ora seduti sulle panchine 
con scarpe bucate ridenti al broncio
non possono allungare le gambe
per non far vedere geografie alle suole
e mappe che studieranno in segreto
a casa i nipoti
-------------------------------------------------
Da: Sorrisi Pignorati
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1073
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: TRAMBUSTO ELETTORALE   Mer Ott 14, 2015 1:01 am

Pecore con la giacca
guidate da corvi in frac
vanno a votare
poi belano e reclamano la coda

Piccioni sfrattati da feritoie
dai falchi,passano all'opposizione

Gatti astensionisti
girano per i vicoli
miagolano invettive
si nascondo nei ruderi
ove vecchie pantegane
col pelo ad antenne
si rifanno il trucco
con pezzi di specchi rotti
da gufi in amore

Cani formano due semicerchi
a simboleggiare destra e sinistra
dell'arena incinta di sproloqui
poi mimano a leccare
arti che frugano tasche

Mirano ogni collo le faine
sognandosi cravatte
si stringono ai pali della luce

Papere, polli e galline
vogliono dire la loro,
si contano per contare
su un'alleanza storica
con le volpi ormai vegetariane
che promettono d'allungargli
le ali per volare

Protesta degli asini
vogliono anche loro entrare
coi cavalli nei motori
e formare un gruppo misto
altrimenti minacciano
d'imparare a leggere

Alcuni conigli ripassano
un libro di Gandhi
bucato da un proiettile
e forse voteranno
il sorteggio dell'aquila
--------------------------------
Da: Poesie Cialtrone

www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1073
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: PISTONI   Mar Ott 13, 2015 1:03 am

Pistoni e valvole
s'inseguono all'infinito,
sull'autostrada trascinano le ruote
nel traffico bestemmie
sorteggio di dita
e mani sotto la cintura

Rombano, tossiscono
fischiano, sbuffano
e quando vecchi
si bevono il loro sangue

Vanno sempre dritti
ma fanno milioni di giri
a volte s'innamorano
delle sfuggenti valvole
che non riescono mai a baciare
e quando raro succede
muoiono sull'estasi,
grippaggio il responso

Cantano
e la voce a seconda
è delizia o rumore
e ricevono applausi e invettive
e spesso sanzionati

Associati a cavalli alati
al pascolo del progresso
elogiati nella corsa
emettono flatulenze
tra colpe e discolpe
guerre di nasi

Pistoni nati dalla terra
arroventati dal diavolo
ritornano alla terra
e a volte in compagnia
di chi illuso l'insegue

Pistoni anime d'acciaio
spesso fusi al dolore
tra fiori veri e di plastica
-----------------------------
Da:Avanguardie Irriverenti

www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1073
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: DI NOTTE   Lun Ott 12, 2015 1:29 am

Di notte,le ombre si corteggiano
e non si dicono mai di si

I ricci s'appallottano alle luci
e i teppisti con le macchine
li fanno volare in paradiso
poi arriva il giorno
e gazze e corvi cancellano il decollo

Ladri e prostitute si fanno il palo,
se i colpi vanno a segno
si accendono le voglie
la complicità va a buon fine

Miagolano i gatti
per spartirsi intimità
e i cani dormono tranquilli
sanno che nei paraggi non vi sono intrusi

Angeli custodi
lasciano trespoli di spalle
volando si sgranchiscono le ali
e giocano coi pipistrelli,
alcuni si posano su davanzali
di finestre ai piani alti
spiano gli amanti e si vergognano

Con la luna che benedice il suo gregge
di stelle ridenti a desideri strani
la notte è un'altra vita
silenziosa attiva la catena alimentare
di stomaci a matrioska
e grosse vene cercano affluenti

Sigillano deliri i poeti
guardano l'orologio,
le ore girano al contrario
si riappropriano dei ricordi
e la malinconia detta nuovi versi

I bambini, con la febbre
cancellano la realtà
e chiamano i genitori
per constatare se sono cambiati
poi piangono la metamorfosi abortita

Arriva l'alba, una dogana
toglie la coperta nera
sopra ogni intrigo
--------------------------------------
Da: Quando Gli Alberi Si Rifiutano Di Ospitare Le Foglie
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1073
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: VECCHIA CHIESETTA   Ven Ott 09, 2015 12:54 am

Abbarbicata
a un monte
avvolto dalle pigrizie del tempo
con il campanile
sonda agli umori del cielo
la vecchia chiesetta
infestata di ragni
rispettosi a reliquie
riposano sulle loro amache
cullate da spifferi
da rugose finestre

Serpente assolato
scaglie il selciato
l'unica stradina
che a ogni curva
ha una nicchia
riflessione al desistere
e ai lati un muro
unto annerito da mani
in appiglio a fede e rigore
a sanzionare ogni dubbio

Sul tetto ciuffi d'erba alta
stendardo a ricordare
che la natura è essa stessa
il tramite ad alare le anime

Da feritoie, pagliuzze di nidi
e pigolii preganti
interrotti da rintocchi
a significare che la vera fame
è l'ignoto da riempire con armonie
da cercare in se stessi
e amalgamarle al creato

La lacrima d'una vecchietta
fa da specchio alla sua luce dell'anima
e il suo rosario una carrucola
che porta in alto speranze

Monito a scendere
vociato dal silenzio,
chi ha portato in alto falsità
saranno pietre rotolanti alle spalle
--------------------------------------
Da: Sorrisi Pignorati
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1073
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: STELLE   Gio Ott 08, 2015 10:55 pm

Piazzole al cielo le stelle
ove sostano i desideri 
per essere smistati
e ogni tanto qualcuna cade a terra
e una scia di luce additata dai bambini
che sorridono e si contano i dentini
ma sbagliano la conta
e quelli mancanti li cercano
tra le labbra delle madri

Stelle, scintille d'alcool dei vecchi
che vogliono incendiare
il cielo che l'inscatola
dentro l'orizzonte
e non possono fuggire
dagli anni sciacalli

Stelle,coriandoli del destino
vagano nell'infinito
mai si posano
sulle maschere

La notte, coperta scura
bucata da chiodi d'oro
pioli di una scala
per l'unica evasione dell'anima
da una badante che ci pascola
nel recinto di carcasse
-----------------------------------
Da.Pensieri Sparsi
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1073
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: SCENE D'AUTUNNO   Mer Ott 07, 2015 1:36 am

Foglie secche sull'asfalto
carta vetrata di passi
intenti a doppiare il precario

Sbuffi di vento
provano umori
giocano a  respiri
oziosi alle panchine

Con nonchalance i rami
recitano inchini d'agguati
poi perdono il copione
e frustano attimi di pace

Crocevia di migrazioni una nuvola
smista chi parte e chi rimane
stanca s'ammorbidisce
si fa cuscino agli indecisi
e un raggio di sole
spada sulla visiera d'un berretto
s'addormenta

Cercano nelle tasche
i vecchi una moneta
con facce uguali
per scommettere sul domani
e siccome non la trovano
si assegnano la vittoria
con un sorriso fessurato
e la malinconia ne approfitta
entra nelle bocche
e si fa massaggiare dalle lingue

Code di cani a semicerchio
imitano bersagli
ad occhi in mira al vuoto
ma c'è sempre un monello
con un sasso riporta
l'orizzonte alla realtà

Passa una fanciulla
a cui ognuno somma
i propri anni per farsi un'età media
e accorciare la sua bellezza al sogno

L'ultima rondine smarrita
chiede a una rosa
in prestito il ritardo
-----------------------------------
Da: Quando Gli Alberi Si Rifiutano Di Ospitare Le Foglie
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1073
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: IL TEMPO   Lun Ott 05, 2015 2:08 am

Il tempo è un traguardo da cui fuggire
ma siamo costretti a inseguirlo
per le scadenze che ci siamo dati
in un punto di effimera felicità
e per sorpassare il dolore che trasporta

Ogni giorno lo facciamo a pezzi
con orologi precisi
e poi ruotiamo il polso per congelarli

Notti e giorni,un gioco degli occhi
arbitrato dall'anima
e sugli spalti del circo la noia
pronta a fischiare la gioia

Poi ci sono le stagioni
seminano specchi
e collezionano rughe
mentre i capelli si fanno frecce
ad angusti pensieri

Calendario le foglie
ruotano ricordi a primavere future
ma spesso l'inverno nel cuore
sorteggia un nome
e in nero con a fianco una croce
lo scrive su una bacheca
ove qualcuno conta gli ammanchi
che l'altro ieri ha visto passare

Il tempo mago pirata
illude e depreda
e gli anni gendarmi
voltano spalle alla farsa
e cadono in un fosso

Il tempo è un tragitto
percorso veloce
e il traguardo il capolinea
da dove siamo partiti,
ci premia una befana
che ci ha preceduti
---------------------------------
Da:Soste Precarie

www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1073
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: INCENDIO ESTIVO   Sab Set 26, 2015 1:45 am

In una splendida giornata quando a tutti
pare vendere il proprio tempo al lavoro,
sindacalisti, statali,operai del comune
e impiegati della sanità a raccogliere funghi
allertati da un cinghiale di sinistra
e subito a contendersi un posto dietro gli alberi
mentre i finanzieri li cercavano
furono ostacolati dai forestali
ritenendoli intrusi fuori ruolo
e tutti vennero alle mani minacciando querele
e qualcuno diede fuoco al bosco
per sedare la rissa e anche per far capire
che c'era bisogno di più gente a vigilare
-Allertati da un ragioniere che censiva ombre
polizia e carabinieri nella fretta
si scontrarono con le volanti
e i vigili del fuoco interruppero lo spegnimento
per liberarli dalle lamiere roventi
-Orecchie da lepre del direttore dell'inps
a sperare decessi per qualche pensione in meno
-Il fumo così denso oscurò cielo e terra
e l'odore acro di animali arrostiti
massaggiò stomaci d'immigrati
che credettero le fiamme falò d'accoglienza
mentre in TV rissa e invettive tra politici
ad aver ragione sulla direzione del vento
-Dal Vaticano il Papa pregò le nuvole
recalcitranti a sostare su un paesaggio nero
che il Diavolo sapeva pece
per incollare passi arruolati da bestemmie
-Fortuna a sera il Giudice stabilì le colpe
e ordinò l'abbattimento dei cinghiali
---------------------------------------
Da.Poesie Cialtrone

www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1073
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: LA SVEGLIA   Lun Set 21, 2015 1:28 am

La sveglia insegue pensieri clandestini
e quando li trova nella notte
li riporta alle anime
che hanno omesso rigori di vigilanza
e dormono su peccati riparati

La lancetta dei secondi
sfoglia veloce le pagine del tempo
quella dei minuti segna i capitoli
quella delle ore scrive il titolo
e così tanti libri bianchi e neri 
che nessuno leggerà mai

Sveglia dei vecchi sui camini
maledetta a misurare vino 
e sempre fuori conta
aggiunge un bicchiere in più
l'ultimo che fa male,
erutta fuoco lo stomaco
e non copre ricordi
che si divertono
con cenere del dolore

Sveglia alla stazione
santuario di inchini di polsi
messa in croce saluta tutti
e arriva prima del treno

Sveglia, tagliola di respiri
intrappolati e li liberati
nel tic.. tac..rumori di calci
e mentre si dileguano
il cuore tenta di imitarli
e una mano sul petto dice basta

Sveglia
conta inizio e fine di tragitto infinito
solletica l'invisibile riempito d' illusioni
poi muore a un eclisse 
tra occhi e numeri
--------------------------------------------------
Da : Quando Gli Alberi Si Rifiutano Di Ospitare Le Foglie
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1073
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: OMBRE   Sab Set 19, 2015 1:47 am

Ombre dei muri
invidiano quelle degli animali
che spariscono nei boschi
e trafitte da raggi di luce
si fondono col mistero
e si nutrono di respiri

Ombre
carta carbone dell'anima
in brutta copia
scritta dagli occhi
finti al calco
giocano a parodie
ruotano a figure
guardate al peggio
deformano nasi
e rincarano il deforme
a quelli già derisi da specchi

Bambini le usano
per uscire da se stessi
mentre i ladri
le temono
coscienze in avamposto
intente a tradirli

Ombre di amanti
inanellate da binocoli
alati da pupille
e comete di solitudini
si spengono dietro tapparelle

Ombre
pellicole mai impresse
girate a vuoto dalla luce
su recite di lati oscuri
della mente
---------------------------

Da : Quando Gli Alberi Si Rifiutano Di Ospitare Le Foglie
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1073
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: OROLOGI   Lun Set 14, 2015 12:38 am

Punture alla fretta,alla noia
all'ansia,al dolore
di silenziosi squittii,
topi meccanici
rosicchiano 
rigurgitano
sommano attimi

Gareggiano
con pulsioni di cuori
perdono e vincono,
podio, uno sguardo
un grugno,un vanto,un rimiro

Incitati da fremiti
scossi sul morbido
s'arrendono
all'eterno inseguito,
a volte accelerano,barano 
e redarguiti
da una vecchia campana

Implorati
da bramosie d'amanti
affettano attese
le danno in pasto
ai respiri

Orologi
misurati dall'anima
mai precisi all'umore

Orologi
portano a spasso
il capolinea ai pensieri
--------------------------------
Da.Soste Precarie
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1073
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: ARIA DI SETTEMBRE   Sab Set 12, 2015 1:53 am

Il vento gioca con le foglie
prima o poi le farà volare 
verso atterraggio incerto
e qualcuna finirà nella bocca di una scarpa
chiederà ai piedi del deserto
e morirà su un granello di sabbia

Dal cielo s'avvitano piume usurate
da migrazioni verso dogane di fucili
e aghi di freddo pungono calure
sostenute da fumi che inseguono
minacciose nuvole diradate
osservate dietro berretti
sollevati a scudi da contadini
che scuotono il capo 
alzano a coppa le spalle
a volerci mettere acqua Santa 

I bambini seguono traiettorie di mosche
atterranti sui porosi nasi dei vecchi
insensibili al solletico ascoltano il ronzio
e fanno previsioni meteo
e a seconda, si lisciano l'inguine
corrugati sputano sul selciato
s'appisolano su pugni sovrapposti
masticano presagi
col dorso di dita ripristinano sguardi 

Cambiano dorso reumatiche finestre
impigrite all'ombra di tende scolorite
e isolano sproloqui ritornati da vocii festosi

Un gracchio di corvo
annuncia il sorteggio del tempo
si pente l'ultima cicala
e nelle pieghe di una gonna
un grillo si gode la gelosia di un timido
---------------------------------------------------
Da:Soste Precarie
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1073
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: FILOSOFIE DA CANI   Mer Set 09, 2015 3:08 am

Cani sotto la luna si pettinano l'ombra
e tentano con essa una copula
poi abbaiano nella notte
a volte solo per segnalarsi alla vita
o a fingere di fare il loro dovere
e spesso si scambiano pareri
qualcuno dice il mio padrone è della stessa specie
almeno così lo definiscono gli operai,
qualcuno risponde a noi non serve internet
e volpi e lupi non hanno tutti i torti
se non si sono lasciati corrompere
e che dire poi dei randagi
hanno assaggiato la galera
che garantiva il satollo
e preferiscono la fame
sfidando le pietre

C'è sempre uno che dissente su tutto
e afferma...voi andate fuori tema
la realtà è che ci fa comodo
avere il cibo gratis e poltrire sui tappeti
siamo come gli elettori,criticano tutto
ma poi s'accucciano ai politici
a una promessa d'osso,
la nostra è una filosofia da cani
e non certo di bella nomea
anche perchè gli stolti umani
paragonano i loro perpetuati errori
al nostro modus operandi
che nulla ha a che fare con l'umanoide agire
e qui faccio un esempio:
cantare da cani
or chiedo,siamo mai andati a esibirci a Sanremo?
--------------------------------------------
Da:Poesie Cialtrone

www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1073
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: SPIAGGIA A SETTEMBRE   Mar Set 08, 2015 1:22 am

Ultimo bagliore
di un anello smarrito
coperto dalla sabbia
da un gabbiano che odia rimpianti

Bandiera che non cerca più vento
un reggiseno stanco
di sostenere declini
avvinghiato a un ramo
venuto dall'est

Lontano un vecchio
fa grondaia una mano
e si ripara dal sole
addormentato dietro una nuvola

Sfoglia le pagine del mare la brezza
e ogni tanto s'impunta
su frasi mancanti
ritornate al mittente

L'orizzonte un recinto
e si percepisce che non c'è valico
per implumi pensieri

Compatta la sabbia
sulla battigia
copre geroglifici di bimbi
e di amori che non si sono capiti
ormai fossili segni di dita
ordinati dai cuori

Un pallone sgonfiato
una rosa appassita
e una dentiera spezzata
da un amaro sorriso
cimeli d'un sorteggio d'autunno
presenziato da tablet

Il sole spedisce le valige
e le raggiungerà
dopo avere schedato
le ultime teste pelate
e partirà a notte fonda
lasciando appisolata la luna
dopo una copula
onde evitare retorico addio
----------------------------------
Da:Sorrisi Pignorati

www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1073
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: PENSIERI E CALURA   Gio Lug 30, 2015 3:34 am

Ferie col binocolo
di gente in case di lamiere 
che possono volare
e che non crede più in Dio
e si difende con iatture e scaramanzie

La parola patria, lapide di stupori
uccisi dall'indifferenza
e le facce bacheche ambulanti
ricercate dal fisco

Qualcuno ride per lanciare
di moda la noia
ma sommerso di smorfie
poggia all'orizzonte
i denti a tagliola
sperando d'intrappolare il domani

I vecchi seguiti da pensieri attardati
ogni tanto si fermano
si mettono un muro alle spalle
per non farsi sorpassare
da qualche scatto d'orgoglio
di un'idea malsana

Il mare, calda placenta di cagna
e i figli se la contendono a coperta
ma una sirena dice serve a coprire le ossa
stanche d'esser suonate dai pesci

Spugnosi cipressi assorbono
raucedini di voci
spezzate a tiro di fune
da smartphone che allenano i morti

Birre e vino annegano cocomeri
che eruttano coprendo rumori
di canzoni sbagliate e usate
a invettive da amori nati
da geometrie guerce di sguardi

I bambini allattano seni di sabbia
e quelli di madri usati  a tarare
sui tetti banderuole che riproducono galli
col verso strozzato dal vento
---------------------------------------------------
Da:Sorrisi Pignorati
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1073
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: SABBIA E MIRAGGI   Lun Giu 29, 2015 12:54 am

Accucciati a ombre volubili
cuori domati
dal silenzio
vociato dal vento
supplicano respiri
a regolarità placebo

Commercio a giro di fumo
cammelli e capre
illusorio cambio
tra barbe a calendario
e denti a specchi
al dialogo di riflessi

Occhi di brace
vedette d'oscurità vaganti,
donne attizzano libidini
nello scrigno del tempo

Tende, statiche al provvisorio
perpetuato
vele senza meta
spugne di voci a mitraglia
e cupole di gesti
alfabeto di sabbia
nel fruscio scrive
amalgama all'indefinito

Moneta coniata al luccichio
poggiata al drappo blu
il sole paga e riscuote
preghiere al creato

Dune,testamento
di tutti e di nessuno,
orme cancellate
sigillo al lascito

Nell'incavo di turbanti
il nido dei bambini
cibati tra grate di veli neri
---------------------------------------------
Da:Soste Precarie

ww.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1073
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: UFFICIO POSTALE   Lun Giu 22, 2015 2:07 am

Balli di bastoni e dentiere
all'ufficio postale
chiamati da impiegati
che a bassa voce
gli urlano il nome
tra occhi e orecchie
collegati da un filo
sopra l'abisso

Sedie piombate
al tambureggiare di ossa
numeri in fila
premiati a display
e a filigrana frusciante
al giro di giostra

Lamenti iracondi
bagnati da salive
tracimate da labbra snervate
cani a guardia d'artrite
tra consonanti e vocali

Colla, timbri e computer
futuro e regresso
al tiro di fune col senno di poi
arbitrati da un orologio
crocefisso ad un chiodo
e con i figli su polsi
che dondolano e giocano
a nascondersi a maniche

Una campana ricorda
che il tempo è anche rumore
e qualcuno paventa
a casa un sugo bruciato
mentre a mezzo giorno
due lancette in amplesso
intente a slacciarsi in discesa

Sbuffi e mugugni
tra piedi di statue
e accelerati sollievi,
traguardo il ritorno
---------------------------------------------
Da:Un temporale Acclamato Con Nuvole Dirottate

www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1073
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: MIETITURA   Ven Giu 19, 2015 2:24 am

Dita frizionano spighe
e occhi vitrei
s'ammorbidiscono
al canto di grilli e cicale
e andirivieni di formiche

Ogni chicco incanta un pensiero
e milioni le bocche

Rumori d'ali in affanno
grano in caduta ai sacchi,
fremiti di ciglia ai mercanti
dipingono taccuini

Sabbia al deserto la farina
-pane, pietre focaie
a operai clandestini
convertiti a pomodori

Quadri gialli
solcati da mostri ingordi
scie di paglia digerita
e incendiata ad arrostire
l'ultima quaglia
e il fumo deride la calura

Morbido deserto, i campi
cimiteri d'animali attardati
supplicano nuvole a redenzioni

Il letto del sole
ha perso la sua ovatta
e i raggi riposano su tavolaccio
con ossa rotte pensano altri luoghi

L'ultimo pastorello
caduto dal suo sogno
vedeva tra spighe ricce
cornice a due scaglie di cielo
... occhioni del suo amore
--------------------------------------------
Da:Quando Gli Alberi Si Rifiutano Di Ospitare Le Foglie

www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1073
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: TEMPORALE   Dom Giu 14, 2015 2:39 am

Timidi innamorati
recitano distrazioni
impattano gli ombrelli
e a scusarsi si scambiano
per la prima volta le voci
e scintillano sorrisi

Pozzanghere
girate a specchi da monelli
a riflettere sotto le gonne
e i copertoni si divertono
a interrompere l'agguato

I cani scrollano acqua dalle schiene
e gli spruzzi nella fretta
sui vestiti evaporano a grugni

Berretti colorati
oltre il raggio dei pensieri
puntellati dalle mani
ostili a geometrie
indicano portoni
lapidi al piattume

Qualche lampo muto
cade all'orizzonte
limite al grigiore

La vecchietta osserva i suoi fiori
assaliti da lumache
e benedetti dai ricordi
e uno passa per gli occhi
e fugge con le gocce

Uno squarcio azzurro al cielo
cratere di missive
ritornate agli implori
----------------------------
Da : Un Temporale Acclamato Con Nuvole Dirottate

www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1073
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: CIELO NOTTURNO   Sab Giu 13, 2015 12:27 am

Sigarette accese le stelle
bucano la coperta nera
spasmodici fumano i sogni

Tonfi negli stagni
gracidano le rane
evocano il domani
simulano abissi d'anime

La notte è una lavagna
e ognuno ci scrive segreti
e il mattino li cancella
alla vigile ragione

Gufi e cani
custodi di presagi
tessono trame al destino
e qualcuno tenta
disfarle con preghiere
magari cambiando religione

Macerano gli amori
distillano idilli
sbagliano le dosi
avvelenano l'unisono

Nelle città
i motori trafiggono la pace
e i cuori inseguono pistoni
avidi d'orgasmi

Falce la luna
miete ombre
l'accatasta al buio
le vende ai lampioni
occhi di meretrici
l'inglobano al mestiere
al suono di filigrana
-------------------------------------
Da: Soste Precarie

www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1073
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: BIDONVILLE   Lun Giu 08, 2015 3:03 am

Lasciano campagne arse dal sole
dove i leoni allerti a sbranare
turisti pronti a rischiare
pur d'emozionare il meccanico cuore

All'ombra mentale di minareti
e di un progresso specchiato
s'ammassano in baracche, nidi di pulci
sognando un'Europa che non esiste
ma gli ha tolto oro giallo,nero e vetri riflessi

Tra placenta del mare annegano, rinascono
superstiti traslocano a puzzle bidonville
alle periferie delle nostre città di pece
e zombie dirottati a vagare
tra esche, macelli,loculi di vivi
e coscienze al bucato

Uranio di miseria arricchita di croci
carnosa bomba rinviata ad esplodere,
artificieri i politici chiamano armonia
.....la deflagrazione
--------------------------------------------
Da:Voci Dall'inferno

www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1073
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: SPORT PROMISCUI   Sab Giu 06, 2015 3:55 am

Rimpinzati con fette di salame
dai loro allenatori,i cacciatori
con  pance a davanzale
sostenute da treppiedi
guerci aggiustano la mira
e sparano all'impazzata tra i cespugli
mentre il presidente del circolo
conta  animali abbattuti
poi un fucile passa con gli avversari
e lo sparo dilania il proprio atleta
-S'interrompe la gara
i corvi gracchiano nel cielo
un usignolo stonato dal terrore
canta il requiem di Mozart
e una lepre  zigzagando
a perito topografico
in matematiche osservazioni
metriche fotografie
----------------------------------------
Da:Sorrisi Pignorati
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1073
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: DIARIO DI SPIAGGIA   Gio Giu 04, 2015 2:39 am

L'avvocato Pelandra ripassa il codice
e le zanzare curano la punteggiature
ma ogni tanto s'inchioda un pensiero fisso
e una macchia di sangue alla fronte

Orecchie d'ombrelloni mosse da leggera brezza
salutano il ristoro e scoprono qualche occhio
appollaiato su schiene finte a distendersi
e nel crac mimato svelano anni persi

Giungla di berretti colorati e labirinti di randelli
ove la calura insegue vibrante le sue vittime
scudate da ventagli a coda di pavone
che nulla possono al fumo di sigarette
stracarico di messaggi criptati

Vecchie Thenardier, pascolano figlie
intente più al restauro che al sole
impietoso lustra errori camuffati
e allora le madri tentano seduzioni collettive
e assemblee di sorrisi s'adombrano a mani tegolate

Sciaborda il mare pelli invisibili
lasciate mentalmente a muta di serpenti
e invece identiche in nuova veste
con aggravio del sale a irritarle a repulsioni

Schiamazzi di bimbi inducono a serrare
con giornali orecchie in divago
e le notizie retoriche diverse solo nei titoli
s'insabbiano per essere dimenticate

Sguardi posati su qualche seno prosperoso
interrotti da gomitate s'alzano al cielo
alati da mormorii e subito accecati da lame roventi
e tornano a memoria a rimirare piedi frenetici
ingordi d'oltre sognato

Instancabile il mare da millenni
respinge sulla battigia le anomalie aggiornate
sempre risucchiate dall'acqua disobbediente
-----------------------------------------------------
Da:Soste Precarie

www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1073
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: BESTIARIO II   Sab Mag 30, 2015 1:49 am

I politici rubano a dismisura e i cittadini li premiano
fanno la stessa cosa gli zingari con minor danni
e vogliono sterminarli ma fortunatamente
c'è sempre qualche politico che  ha letto Dante
e..aver compagno al duolo... scema la pena

I turisti vanno nei paesi dei migranti
i quali cortesemente ricambiano la visita
ma sono sgraditi ospiti

I ricchi sono tali perchè hanno fregato i poveri
che li ossequiano sognando di diventare come loro

I poveri nelle baracche o negli scantinati
convinti con la sopportazione di fregare i ricchi
e un giorno abiteranno in grandiose ville 
grazie ai preti che intercedono per loro
per un'abitazione con vista cosmica in Paradiso

Se una persona onesta si candita nessuno lo vota
altrimenti gli elettori dovrebbero ridare indietro
almeno mentalmente se tutto va bene
il bottino pregustato associato al loro voto

I profughi assetati fuggono dalla siccità eterna
e l'unica volta che per strada bevono abbondante
esagerano e ci lasciano le penne

Tutti amano gli animali a tal punto
che con galateo li ospitano sulle proprie tavole

Destra, sinistra non sono nè indicazioni stradali
e nè appartenenze politiche ma è solo il modo 
per distinguere chi da un lato sta mangiando 
e chi dall'altra in attesa deve  mangiare

Oggi tutti si lamentano della privacy
ovunque gente a ficcare il naso dappertutto,
il problema è di facile soluzione,
basta scagliare due verità e tutti fulminei
spariscono dai co...collaudati silenzi

A messa sento ripetere,la chiesa è la casa di tutti
ma quanti di voi hanno una copia della chiave?
------------------------------------------------------------------------------
Da: Poesie Cialtrone
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1073
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: IL MATEMATICO   Ven Mag 29, 2015 1:46 am

Le ore e i minuti dominano gli eventi
i sogni sono un incidente
nelle ore delle notti
che passano con visibili misure
per coincidere con il giorno successivo

Stasera c'è la luna
calcolata in un eclisse senza misteri,
stasera tua moglie andrà a dormire
con amori immaginati
senza peccati,senza numeri
con un orgasmo senza regole
e senza formule

Tu lo spiegherai con una febbre
con le cifre della battaglia
di antidoti  disertori
conterai i minuti del conflitto
e quelli che ci vorranno per la pace
e quanti ne dovrai annullare
per l'equilibrio

Ricordati che ti sparerai
squallido matematico
nell'equazione:
amore, milioni di sensazioni
che si annullano in due corpi
che in estasi 
........s' annullano
----------------------------------------------
Da:Parole Fredde
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1073
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: BERBERI   Gio Mag 28, 2015 1:11 am

Onde di sabbia
labbra del sole
truccate da serpenti
baciate dal vento

Eterno malleabile
durezze di ombre
avamposto di figure
mai avvertite

Capre imploranti
a rami d'acace
e gobbe di cammelli
misure di rimanenze
e vocabolari di pietre
a spiegare l'indefinibile

Carezze di calura
su forfora del tempo
vola negli occhi
lustra a rinsavire
orizzonti mentali
accorciati da fatiche

Mosche in appiglio
a nasi di bimbi,
fastidiose e a pararle
giochi ritrovati
in solitudine estrema

Nel vento voci di avi
mistici suggerimenti
Dio veglia nei dubbi
e sognare è una sosta
per ritrovare nell'infinito
pace confusa all'oblio

Oppiacei fuochi la sera
le donne mandano missive d'amore
con scintille e scorpioni,
s'apre ogni scrigno nel buio
e amaca ai nervi l'atmosfere
l'anima vola
---------------------------------
Da:Soste Precarie
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1073
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: ALCOLIZZATI   Mer Mag 27, 2015 1:50 am

Alcolizzati, granchi in fuga da se stessi
ignari si suicidano lentamente,
contano il tempo con le lune
tra le stelle li guidano a casa
in compagnia delle loro ombre,
che distorte bilanciano il barcollare
e convincono che un'altra bottiglia
ci poteva stare come timone
per virare oltre gli scogli dell'anima

Su lingua a balcone di rudere
le parole s'affacciano annegate
e con l'ultimo respiro rotolano sui piedi,
qualcuna prova a volare e s'impiglia alla mente
soccorsa dagli occhi la portano all'anima
ove muore sotto bisturi di rimpianti

Tra bottiglia e bicchiere in orgia con le dita
bollenti nell'intenzione di baciarsi
e l'urto fa da campanello all'ultimo ricordo
sfuggito alla tempesta balla nel cervello
allora per cacciarlo tuona una bestemmia
incollata alla saliva, scivolo ad attenuarla

Nell'alcol nuota sempre una sirena
col volto confuso nei fumi termali
e a soffiarli prende forma su una foto
asciugata da un sorriso e appesa al domani
che il tempo non riconosce
e la fa volare nel destino

Piange una vigna votata all'allegria
costretta a illudere il dolore
finto enologo trasforma nettare a fiele
----------------------------------------------------------
Da: Normalità' Incondivisibili Tra Maschere Clonate

www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1073
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: Re: QUANTI ANNI   Lun Mag 25, 2015 1:41 am

https://www.youtube.com/watch?v=3F-ywq97wdE
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1073
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: PIANTE   Lun Mag 25, 2015 1:27 am

Piante nei giardini
dove non vogliono stare
a contare zampe di cani
o strozzate da altalene

Assetate negli uffici
implorano segretarie
intente a truccarsi

Lungo la strada
fatte passare assassine
spezzano follie
a bordo di siluri

Regalate a chi non le vuole
e messe in galera e dimenticate
dagli occhi

Testimoni forzati
a promesse d'eterno amore
ma poi ricordano dolore
e condannate a sparire

Dimore gratuite d'uccelli
ma gli umani chiedono l'affitto
sparano sui rami e li sfrattano

Biblioteche di parole
narrate da panchine
congelate in inverno
e a volte sciolte per sempre
da campane

Orologi di ombre
segnano umori e fatiche
poi un giorno qualcuno
non gradisce la conta
azzerata con una motosega

Piante
croci viventi
in attesa d'essere assegnate
a oblii e redenzioni
e nell'immobile calvario
sorridono coi fiori
piangono al rodaggio delle accette
--------------------------------------------
Da:Quando Gli Alberi Si Rifiutano Di Ospitare Le Foglie

www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1073
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: ALL'INIZIO (amore)   Sab Mag 23, 2015 1:28 am

All'inizio giocai
a resistere lacrime e tosse
poi piano amai le tue nuvole
che mi entrarono dentro
e annebbiarono i demoni
trovai pace apparente
a ogni bacio scacciai
i rimorsi
fosti
un pesticida nell'anima
a far fuori amori parassiti
aggrappati al tormento
del cuore

Sentii i miei nervi
molle di gomma
in abbandono ai capricci
della malinconia

Poi lenti
abitudine e sputi
di ombre già avvezze
allevarono draghi nel vino
allo stomaco
scomparve l'idillio
diventammo la solita coppia
sotto unico tetto 
apatici,fino a sopportarci nell'odio
testimone del vivere
ma ti perdono
sei solo tabacco che brucia
e io ti ho sostituito a 
un amore di carne
.. oh! mia sigaretta...
-----------------------------------
Da:Vite Tremule
www. santhers. com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1073
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: CALURA   Gio Mag 21, 2015 2:04 am

Il mare gonfio di sereno s'addormenta
i pesci correggono i compiti del destino
e sull'acqua macchie d'errori
che gli uomini si lanciano

I motori vibrano risate del sole
e i raggi inanellano calura
e fotogrammi d'occhi imprigionano
disordini mentali subito vegliati da malinconia

Pigri i pensieri trovano alibi di soste
nella punteggiatura di mosche
e su qualche testa pelata
disegnano traiettorie al rintano
a volte interrotte da mani
stanche in salita al segno di croce

Rimbalzo di voci che non hanno trovato orecchie
e cercano d'incollarsi alle vetrate
convertite a specchi,bugiardi al peso forma

Gli alberi si curano artrosi
e le ombre midollo nero,pece d'ossa stanche
incolla erba assetata a fosche nuvole imitate

Bussa qualche pallone sull'asfalto
e tenta di vendere calura a Lucifero
intento a spiare da qualche buca
qualche canaglia da arruolare
e una bestemmia può essere assenso
a inamovibile contratto
-------------------------------------------------
Da:Voci Dall'Inferno

www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1073
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: IL PALLONE   Dom Mag 10, 2015 1:46 am

Piccolo mondo nel mondo
gonfiato a parole e schemi
girato a piedi
messo nella rete
gioisce chi l'imprigiona
triste chi lo libera

In scala da uno all'infinito
effimera rotondità
calciarla,domarla, indirizzarla
il sogno recintato a cerchio

Geografia d'aria
per unica lingua
unisce e divide
a coltelli e abbracci
rinviati a pace
in sospeso onore

Perenne infanzia
nel gioco adulto
invano a cambiarla,
un sogno lucido a puntate
riprende sempre trama
va oltre l'amore,sbronza
al termine azzera l'idillio

Sotto effigi di
lupi,aquile,serpenti e scettri
metafora d'inconscio dominio
di soggettivo globo
prestigiato a spalti
con occhi bolle di sapone
-----------------------------------------------
Da:Sorrisi Pignorati

www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1073
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: FARI   Gio Mag 07, 2015 2:15 am

Alla luce dei fari
le volpi si fermano a riflettere
e decidono di morire
fanno la stessa cosa i ricci
-Giudici i gufi a volte
assegnano il pareggio
e l'investitore fa la stessa fine

I fari arano la notte
e nel solco subito appianato
seppelliscono i pensieri,
da germogliare al fato

I fari sono spade
col motore che alla caccia
fa da battitore
inseguono il mistero
avvolto in nebbia nera
ma infilzano solo dubbi

Nel proprio mondo lamierato
dietro souvenir del sole
c'è fretta di arrivare
e voglia di isolarsi

Fari metafora dell'ignoto
illusione a svelarlo
in velocità occultato

Stelle terrene
al massimo ospitano speranze
sloggiate al risveglio del sole
irritato alla parodia del plagio

Amore
questi artifici del progresso
sono i nostri occhi ridenti
nell'oscurità delle nostre anime
a illuminare l'addio
al non esserci mai trovati
--------------------------------------------
Da:Quando Gli Alberi Si Rifiutano Di Ospitare Le Foglie

www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1073
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: CHIARO DI LUNA   Lun Mag 04, 2015 2:27 am

Bianchi macigni
cotti dal sole
inanellati di blu
nuvole addormentate
sfondo a una luna incinta
che pascola ombre
minacciose
tese agli agguati
decifrati nei fruscii
e nel silenzio
matrioske di fauci
scrigno d'occhi bevuti

A zonzo i cani
mimando pasti a ricompensa
coi peli a sensori
rastrellano note
da abbaiare al mattino
e spezzare il sonno dei padroni
caduti in altre vite immaginate

I rami geroglifici d'uccelli
appollaiati a calamai
e le stilografiche
denti di faine e gatti

Non c'è vento
somma di lamenti
è ritornato ai morti
vampiri atterriti
al faro nel cielo
ladro del buio

Sui tetti amori clandestini
appartati copulano
nei comignoli
garçonniere di sogni
affittate da anime irrequiete

Le stelle lingotti d'oro
nella banca del mistero
garanzia a far stampare sulla terra
forfettario equivalente
sotto conio di vagiti e salme
da far circolare ai mercati
del bene e del male
pignorati dall'indifferenza
-----------------------------------
Da:Quando Gli Alberi Si Rifiutano Di Ospitare Le Foglie

www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1073
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: NOTAIO PECE LICANTRO DELLE BORE   Gio Apr 30, 2015 1:36 am

Nelle serrate bocche
a tagliole chiuse arrugginite al disincaglio
i denti si baciavano, sgomitavano
e lenti si limavano senza saliva
e le bave al gozzo atterrite da moniti
nell'attesa a lubrificare  spolpo,
iene lanate  riflettevano la recita
domata da nervi tesi e vene violacee
nel pallore che reggeva farse al dolore
specchiato su penne stilografiche 
e dorso d'orologi lucidati a festa
-Il notaio Pece Licantro Delle Bore
con occhialini precari sul naso aquilino
assicurati a un bisunto filo pigro
grillettava pagine tra scheletrite dita
e biascicava a mo di preghiere
col capo che ripeteva ondulati assensi
a non deludere attendenti
poi lesse con roca voce il testamento
all'inizio appisolante, poi a seguire
a ogni volto una mimica guidata da realtà
e bronci, sussurrate invettive
occhi ridenti, sogghignanti
lucidi, arroventati,imbalsamati
mani a suppliche e a iattura
ai capelli, alla fronte, al basso ventre
-Uscirono dallo studio
tutti in cerca di una coltelleria
tranne qualcuno di uno scudo
-sussurrò il notaio
quanti bravi attori
peccato che nessuno sappia
portare a termine il copione
----------------------------------------
Da:Sorrisi Pignorati
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1073
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: FLASH D'APRILE   Mer Apr 29, 2015 3:50 am

I fiori si salutano col vento
si mandano messaggi d'amore con le api
ripagate col nettare

Filtra dai rami il canto dello scricciolo
accorda la voce per far colpo sulle femmine
muove la coda a ogni vocalizzo
danza sui rami, arruffa le piume
per sembrare più grande

Scaglie nuove
pannelli solari
sulla pelle di lucertole
accumulano calore
per elettrizzare il sangue
a impeti riproduttivi
e a scatti fulminei per divorare insetti

Volano a pelo d'erba nelle radure i merli
sventolano vermi da portare al nido
cantano per distinguersi dai corvi
s'infiltrano nei boschi
a zig zag cuciono ombre
per confondersi e non perdersi

I prati vincono i calpestii
e si riprendono i viottoli 
rivestono il fango secco
con velluto verde

L'odore delle ossa vecchie
da spugnose a secche
incita i bastoni verso viole 
da mettere tra labbra
al posto di puzzolenti sigari
------------------------------------------------------------------
Da:Quando Gli Alberi Si Rifiutano Di Ospitare Le Foglie
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1073
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: IL PORTIERE   Dom Apr 26, 2015 1:07 am

Muoiono inibizioni
sotto  coperta scura
ricamata da stelle
rattoppata da nuvole
ma nel cielo basso della hall
in galera l'orizzonte
labirinti i numeri alle porte
mantice d'organetto
spingono i fiati sulle note
s'inceppano al risucchio
stridulo a forzarlo

Mentalmente conta
spergiuri il portiere
e gli assegna un prezzo
da quattro soldi
tanto valgono
gelide carni arroventate

S'arrotolano ansimi
in nicchie di parole
e consonanti e vocali
lottano a decimarsi
si copiano alle tende

Profumi a strati
su pelle tastata
insultano una rosa
e i petali muoiono  farfalla

Madonne all'addio
verso chiese da riconsacrare
e fruscio filigranato
nel silenzio del doganiere

L'arrivederci
precario  prenota
date occulte da inventare
----------------------------------------
Da:Quando Gli Alberi Si Rifiutano Di Ospitare Le Foglie
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1073
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: ONOREVOLE TITO ACETO   Sab Apr 25, 2015 4:12 am

Lupus ovium non curat numerum
Buon giorno,a tutti buongiorno
degli assenti ce ne frega un corno
-sono l'onorevole Tito Aceto
per voi amati elettori solo Tacete
-Amici compagni camerati,camerieri
ideologie a giro,la terra è rotonda
perciò senza semafori 
cuore a sinistra
stomaco a centro
fegato a destra,
autopsie ideologiche solo al macello
-la pecora con le corna e qua lo dico
è sempre ovino con la lana
( che sarà filo che vi porta a me)
ma si chiama montone
gaudeat et intendatis
e il pascolo è per tutti
con dovute gerarchie,
la democrazia siete voi
perciò potete scegliere un capo espiatorio 
(non capro abbreviazione di caprone)
che elimina chi non vi piace,
onde siccome suole
scarpe per tutti
-basta asini, solo puledre
la soma siamo noi,che vi rappresento,
votate il contrario di chi vuol vincere
così vinciamo noi, tranne voi
che poi sarei io al plurale
-basta ladri ma solo guardie
alla refurtiva che andrà ai Giudici
-votate bene, così il rimorso
andrà al peggio di ieri odierno
proiettato al futuro
-oggi c'è il divorzio breve
ma se sarò eletto farò di meglio
ban legisperitis, via avvocati
ognuno di voi sarà ermafrodite
e farà l'amore con se stesso
e a seconda potrà propendere
a mano a mano
al solitario già esistente
....w L'Itaglia e non la paglia
a voi le penne a me la quaglia
giusto due rime poetiche
onde evitar le pertiche
-tibi me virtus ad muscas
-amentibus propagetur tanquam cuniculi
----------------------------------------
Da:Poesie Cialtrone
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1073
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: L'OROLOGIO   Ven Apr 24, 2015 1:45 am

Carrucola del tempo
tira e scende il vuoto
che ognuno misura
coi battiti del cuore
applauditi dalle ciglia

Affetta l'invisibile
e lo dà in pasto
alla fretta, alla noia,
ansimi e sbadigli il baratto

Un foglio ed una penna
inchiodano le lancette
su inizio e fine degli umori
a volte al capolinea

Inseguito da luci e ombre
che vogliono riprendersi la scena
saltellando va con le sue croci
che s'inseguono verso l'infinito
e danzando sopra un polso
o messo impiccato a una parete

Regalo degli amori
accelera bramosie
o porta a traino indifferenze
e va in ferie nelle abitudini
isolate nei calendari

A volte decorato
per impreziosire agi
ma lui freddo e schematico
va dal vagito al baratro,
spesso premiato in un cassetto
a macerare guerre d'approprio
o armistizi intitolati
alla buonanima

Orologio
scrigno di tante anime e un solo cuore
con l'ingrato compito
di leggere il lungo libro della vita
e inventarsi di volta in volta
pagine compiacenti
copiate al destino
-------------------------------------------
Da:Quando Gli Alberi Si Rifiutano Di Ospitare Le Foglie

www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
michael$anthers
Poeta
Poeta


Numero di messaggi : 1073
Data d'iscrizione : 11.06.10

MessaggioOggetto: SOSPENSIONI   Dom Apr 19, 2015 2:25 am

Il suo lavoro
aspettare alla fermata dell'autobus 
che non prendeva mai
-il suo stipendio
l'attesa che lo teneva in vita
puntuale ogni giorno
attendeva il vuoto da riempire
con una scadenza da rinviare,
non s'annoiava mai
perchè ogni momento
poteva essere quello giusto
e la sorpresa poteva  immaginarla
era padrone della sua anima
sempre allertata non aveva spazio
nè per la gioia nè per il dolore
e il tempo furente non riusciva
a rubargli una mimica da imbalsamare
-Un giorno Lei scese alla fermata
e si accorse di averla attesa per anni
e all'improvviso si riempì
quel vuoto sempre vegliato
ma con lo sguardo non riuscì a trattenerla
e le parole persero la voce,
l'anima il vigile lavoro,
licenziata per  sempre dal dolore
-alla fermata è rimasto
il suo fantasma
---------------------------------------
Da:Sorrisi Pignorati
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: QUANTI ANNI   

Tornare in alto Andare in basso
 
QUANTI ANNI
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 6 di 27Andare alla pagina : Precedente  1 ... 5, 6, 7 ... 16 ... 27  Seguente
 Argomenti simili
-
» Smigol
» Io non dimentico
» Abito anni 50
» 2011 Walt Disney World compie 40 anni
» Quotazioni degli anni passati...

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
BestiarioPoetico :: LO SPECCHIO CHIAROSCURO :: PAGINE DI MICHAEL SANTHERS-
Andare verso: