BestiarioPoetico

Il Pensiero riflesso nello specchio oscuro
Gli animali e le figure nell'immaginario - Gli eventi e la memoria
Letteratura - Poesia - Arte - Filosofia - Etica - Bioetica
Miti e Leggende



 
IndiceIndice  PortalePortale  GalleriaGalleria  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  
Mi piace pensar che qualcuno -girando e dell'altro cercando- curioso, per caso si trovi davanti una pagina, l'apra, la legga e qualcosa d'intenso rimanga, come quando si coglie al tramonto il colore del sole che muore, mai uguale, sapendo che solo di un attimo

Condividi | 
 

 Pe cuntent n'amigu

Andare in basso 
AutoreMessaggio
wagena
Admin
avatar

Numero di messaggi : 393
Localit : Zena dunde t'ae
Occupazione/Hobby : sbruggia e matasse
Umore : dipende da chi me ga inturnu
Data d'iscrizione : 17.08.08

MessaggioTitolo: Pe cuntent n'amigu   Sab Giu 26, 2010 8:08 pm

.



.
.

Zena Superba
son chi, veddo a Lanterna
ti sempre a maexima
cox in te l'apparenza
solo e t voxi
me p
nu ghe son ci
.
Chi vgne a Zena
doppo tanti anni
e cian cianin o s'adntra in ti caroggi
no sente ci d'e comari i' sbrggi
e o ciatell mentre che stndan e minde
Zena a l' devent sempre ci grande

Se vddan facce neigre, facce gialle
e manco l'ombra de o parl zeneze
te czzan l pe' tra ggi e balle
mentre ti erchi
a bttega che no gh'
epre a l'ea l , proprio der Via Pr
.
No gh' ci
d de piscio ch' attanggia
nu ghe ci
n cn che in scia magia o strggia
aloa
ti pggi o vco co va drto a o m
pe respi quell'ia de n'a vtta
ma
o porto antigo o l' deventu moderno
i psci son in te ggge , comme xelli
e se paga o bigetto pe' ami
o besugo l drento co bocchezza
e o custode che o c o ghe nettezza

Comme vori senti
e t voxi antghe

do laton co passa porta a porta
donneeeeee
vegni, vegni , pe affi i ctelli
pe n ctto tornin sci lxenti e belli
.
Donde l' o pescu co a s picggia
a ti o carretto sgangeru
co sbrggia
ancioooooooooeeeeeee
son vive , e frescheeeeeeeeee
bogheeeeeeee, porpiiiiiiiiiii
vegniiiiiiii , donneeeeee, vegniiiiiiiiiii

Son voxi
che no se sntan ci
manco i figu

Anche e vegie bagasce no ghe son
son morte
opre ante za in penscion
a ghe son moldave che an za dto
qualche mogg baldracca a colaxion
agratis no gh' nnte pe niscin
e i bassi de btteghe trasfurmae
.
Zena Superba
dmme, donde t'ae
se no fse pe' o profmmo di frisciu
pe' a fain
da mangi in ta carta strssa
pe n tocco
de fgassa
mi
no te riconosciae

E pe no ze scangi
pe' n'a foresta
a strangoscin
mentre cammino canto

belin, belin, belin
me n'imbelno

Mi
son zeneze
son de riso ro
e strenzo i denti
e parlo
sempre
cio

.
Tornare in alto Andare in basso
http://oceanisocchiusi.spaces.live.com/
 
Pe cuntent n'amigu
Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
BestiarioPoetico :: LO SPECCHIO DEL VERNACOLO :: Poesie dialettali-
Andare verso: