BestiarioPoetico

Il Pensiero riflesso nello specchio oscuro
Gli animali e le figure nell'immaginario - Gli eventi e la memoria
Letteratura - Poesia - Arte - Filosofia - Etica - Bioetica
Miti e Leggende



 
IndiceIndice  PortalePortale  GalleriaGalleria  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  
Mi piace pensar che qualcuno -girando e dell'altro cercando- curioso, per caso si trovi davanti una pagina, l'apra, la legga e qualcosa d'intenso rimanga, come quando si coglie al tramonto il colore del sole che muore, mai uguale, sapendo che è solo di un attimo

Condividi | 
 

 Lo scrigno vuoto

Andare in basso 
AutoreMessaggio
wagena
Admin
avatar

Numero di messaggi : 393
Località : Zena dunde t'ae
Occupazione/Hobby : sbruggia e matasse
Umore : dipende da chi me gìa inturnu
Data d'iscrizione : 17.08.08

MessaggioTitolo: Lo scrigno vuoto   Mar Gen 05, 2010 10:58 am


Aveva trovato quello scrigno in una soffitta, sepolto da abbandonate vecchie cose. Lo aveva visto luccicare, aveva scavato con mani da rabdomante tra polvere e scartoffie, tra vecchi legni rosicchiati dai tarli e vecchie coperte camolate.
Era un bello scrigno, piccolo e leggero, esternamente intonso, di un materiale sconosciuto che il tempo non aveva corroso.
Lo aveva aperto trepidante, e curiosa, dapprima sbirciando dal coperchio socchiuso. Ma lo scrigno era vuoto, inesorabilmente vuoto.
Eppure
lei era convinta
che ci fosse dentro qualcosa
di invisibile
che solo a pochi eletti
era consentito vedere
Ogni giorno lo riapriva, e stava ore a fissarlo, sperando si materializzasse qualcosa. Nulla accadeva. Ma lei era ormai rapita da quel pensiero, un appuntamento irrinunciabile al quale non mancava mai. Lo apriva, tenendolo tra le sue delicate mani, rimaneva a guardarvi dentro , e poi lo richiudeva, riponendolo sul comodino, accanto al letto.
Dormiva con vicino lo scrigno, per lei quell'oggetto misterioso era ormai una compagnia alla quale non avrebbe potuto rinunciare.
Una notte si svegliò , sentendo uno strano rumore...spalancò gli occhi nel buio, aguzzò l'udito, cercando di capire da dove provenisse.
Accese l'abat-jour e vide che il rumore proveniva da lì... un rumore sordo, LO SCRIGNO SI MUOVEVA ...vibrava, come una sveglia quando trilla.
Lei lo fissava col cuore in gola, il terrore era sovrastato dalla curiosità di aprirlo, di SAPERE cosa ci fosse ADESSO lì dentro.
-Qualsiasi cosa ci sia - pensò - potrebbe spaventarsi con la luce - , prese quindi un panno scuro e lo mise sopra l'abat-jour . Immediatamente ci fu penombra , con giochi astratti che si riflettevano sul muro, rendendo il tutto irreale, pervaso da ombre riflesse di lei che si muoveva circospetta.
Posò la mano aperta sul coperchio, a percepirne meglio il rumore che proveniva dall'interno. Le vibrazioni risalirono dalla mano al braccio, e piu su, al collo, al viso...che adesso aveva un'espressione stupita, incredula.
Il cuore suo batteva accelerato, lo sentiva pulsare nelle orecchie, come il rumore sordo di un tamburo impazzito.
Poi la mano aprì lo scrigno in un sol colpo , ed ella lanciò un grido acutissimo, quasi disumano.
E FU IL SILENZIO
La ritrovarono così, riversa sul pavimento vicino al letto, il viso viola gonfio e tumefatto, gli occhi sbarrati e la bocca aperta in una smorfia che quasi pareva un sorriso. Aveva solo un segno sul collo in corrispondenza con la carotide, un piccolo punto nero, delle dimensioni di una cacatina di vespa, l'unico reperto che trovarono nello scrigno vuoto.
Torna in alto Andare in basso
http://oceanisocchiusi.spaces.live.com/
 
Lo scrigno vuoto
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Ciondolo "Scrigno Blu" e "Scrigno Rosso"
» #84 Lo scrigno dei desideri - aprile 2012
» Scrigno porta tesori
» Fissaggio a depressione - Vacuum Table
» Separazione, vuoto e .....VERTIGINE

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
BestiarioPoetico :: LO SPECCHIO CHIAROSCURO :: PAGINE SURREALI, INCUBO,MISTERO-
Vai verso: