BestiarioPoetico

Il Pensiero riflesso nello specchio oscuro
Gli animali e le figure nell'immaginario - Gli eventi e la memoria
Letteratura - Poesia - Arte - Filosofia - Etica - Bioetica
Miti e Leggende



 
IndiceIndice  PortalePortale  GalleriaGalleria  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  
Mi piace pensar che qualcuno -girando e dell'altro cercando- curioso, per caso si trovi davanti una pagina, l'apra, la legga e qualcosa d'intenso rimanga, come quando si coglie al tramonto il colore del sole che muore, mai uguale, sapendo che è solo di un attimo

Condividere | 
 

 °°°°c'era n'a vorta..........°°°°

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
genetta
utente
utente
avatar

Numero di messaggi : 21
Età : 43
Località : In culo ai lupi
Occupazione/Hobby : mamma/moglie
Umore : skizzato
Data d'iscrizione : 16.07.09

MessaggioTitolo: °°°°c'era n'a vorta..........°°°°   Gio Lug 16, 2009 8:11 pm

C’ERA N’A VORTA.....................


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
C’era n’a vorta n’o stagno nascosto
dove abbondavano larve e girini
dove le rane c’avevano er posto
pe’ cattura’ co’ la lingua i moschini

Dove le anatre c’avevano er nido
sotto li salici a mo’ de casetta
dove de aironi sentivi anche er grido
e de le folaghe er volo a freccetta

Li’ la natura seguiva er suo corso
e ciascheduno c’aveva er suo ruolo
dell’equilibrio perfetto discorso
cibo pe’ tutti, de pesci n’o stuolo

Ce s’arrivava seguenno un sentiero
tra li arberelli e li arbusti spinosi
che te svelava d’un tratto er mistero
d’un paesaggio de quelli festosi

C’era la vita, la vita che esplode
quella che ammiri in silenzio, commosso
che te rammenta che quella e’ una ode
alla natura che vive in quer fosso

E un ruscelletto allegretto portava
ortre l’ossiggeno anche li sassi
che disegnati dar tempo trovava
ner suo passaggio attraverso li massi

Io me ne stavo per ore seduta
ad osserva’ li animali e i colori
fotografavo co’ gli occhi da muta
e me beavo de tutti i rumori

Ma un brutto giorno trovai un cimitero
tutti li pesci con la panza a galla
anatre morte vicino ar sentiero
le rane gonfie come n’a palla

Seppi dappoi che a n’o stabilimento
quello vicino alla strada der Tomo
j’era scappato de butta’ ner vento
e ner ruscello veleno de cromo

Ora quer posto e’ tutto cintato
paremi un campo de concentramento
cartelli de morte e filo spinato
nun c’e’ piu’ vita, ma solo tormento

Ma che je importa? Era solo uno stagno
e che je frega de pesci e de aironi
manco potévano farce li’ er bagno
sono industriali, der monno i padroni.

°°°°°Genettapardina, 07.03.2005°°°°°°°°





Tornare in alto Andare in basso
 
°°°°c'era n'a vorta..........°°°°
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
BestiarioPoetico :: LO SPECCHIO DEL VERNACOLO :: Poesie dialettali-
Andare verso: